rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Salute Calabritto

"La salute scende in Piazza": grande adesione alle visite contro il tumore alla cervice uterina e al colon retto

Il consigliere comunale Angelo Cianciulli: "Un ottimo risultato ottenuto grazie alla macchina di persone che si sono mobilitate per far sì che il tutto potesse funzionare"

Tante visite in occasione dell’evento ‘’La salute scende in Piazza’’. Si è conclusa, infatti, la settimana di prevenzione iniziata domenica 16 ottobre 2022 con l’iniziativa promossa dal Comune di Calabritto, P.A. Aurora e la Clinica Salus, che ha messo a disposizione operatori e laboratori per la buona riuscita dell’iniziativa. I partner dell’iniziativa sono stati: Ordine delle professioni infermieristiche di Avellino, l’associazione Lo scrigno e la Pro Loco Acquae Electae di Quaglietta.

Le parole del Consigliere comunale Angelo Cianciulli: ‘’Un ottimo risultato ottenuto grazie alla macchina di persone che si sono mobilitate per far sì che il tutto potesse funzionare. Un ringraziamento particolare per la professionalità e la disponibilità va al Direttore Generale della Clinica Salus il Dr. Ottavio Coriglioni e tutta l’equipe di professionisti messa a disposizione per la buona riuscita dell’iniziativa. Ci auguriamo che questo sia l’inizio di una lunga collaborazione con la Clinica Salus, come da anni avviene per le visite di controllo senologiche grazie alla collaborazione con Amdos Alta Irpinia e il Dr. Carlo Iannace, con l’auspicio che Calabritto possa diventare presto Hub della prevenzione di tutta la valle del Sele.

Nonostante la pandemia abbia aumentato le difficoltà di screening e di cura, le percentuali di sopravvivenza a cinque anni per tutti i tumori sono in aumento. La stima nel post Covid secondo l’AIOM (associazione italiana di Oncologia Medica), e che un uomo su quattro e una donna su cinque entro il 2040 si ammalerà di cancro, quindi l’obiettivo di base è sensibilizzare e screenare quante più persone possibili sul territorio’’.

Cosa significa essere positivi al test? 

Essere positivi nel caso della cervice uterina, sta a significare che è stata riscontata la presenza del virus HPV, che a seconda del ceppo a cui appartiene è causa di lesioni benigne o di lesioni a evolutività maligna.

Nel caso  del colon retto invece, la positività è dovuta alla presenza di emoglobina nel campione analizzato, in questo caso va approfondita la causa che può essere dovuta a diversi fattori quali ragadi anali, emorroidi, polipi, ulcere ecc.. 

Fondamentale é parlarne sempre con il proprio medico di base e ginecologo.

I risultati dello screening

COLON RETTO:

141 campioni analizzati 

9 positivi  (60% in soggetti over 50).

CERVICE UTERINA:

54 campioni analizzati 

7 HPV positivi (tasso di positività 13%) sui campioni dei soggetti positivi è stato eseguito anche il pap test per scongiurare la presenza di lesioni tumorali.

‘’Infine - conclude Cianciulli - un grazie va anche all’AVIS Salerno e ai 30 donatori che nella mattinata di domenica 16 hanno contribuito a contrastare l’emergenza sangue, anche questa è un’attività consolidata ormai da anni sul territorio di Calabritto. La vita è un capolavoro, FAI PREVENZIONE!’’.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La salute scende in Piazza": grande adesione alle visite contro il tumore alla cervice uterina e al colon retto

AvellinoToday è in caricamento