Petracca (Pd): "Sottoscrivo il manifesto della Coldiretti"

"Ecco le mie proposte"

«Da presidente della Commissione Agricoltura della Regione Campania condivido e sottoscrivo il manifesto proposto da Coldiretti. I cinque punti del documento presentato ai candidati presidente e a tutti i candidati alla carica di consigliere regionale sono condivisibili e gettano le basi per una nuova visione dell’agricoltura in termini di innovazione e di valorizzazione del comparto. In realtà si va in una direzione già tracciata in questa legislatura regionale e su cui ora bisogna insistere». Lo dichiara Maurizio Petracca, candidato al consiglio regionale nella lista del Partito Democratico per il collegio di Avellino.

«In questi cinque anni – aggiunge Petracca – abbiamo lavorato molto per rendere il Psr quanto più aderente alle esigenze del settore. Ci siamo, però, trovati di fronte ad un programma già scritto e che abbiamo dovuto modificare in corsa. Ora la sfida è sulla nuova programmazione».

«Tre le mie proposte – spiega Petracca – la prima è legata alla necessità di sburocratizzare. E’ indubbio che in questi anni il peso dell’eccessiva burocrazia abbia reso il Psr poco snello e poco agevole. Tanto da inficiare i risultati. Snellimento e semplificazione anche in agricoltura serviranno per rendere alcune agevolazioni davvero tali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«E, poi, diversificazione delle procedure – concluce Maurizio Petracca - Non è immaginabile, come accaduto, finora, che una grande azienda debba avere iter di accesso alle misure uguali a quelli di una microimpresa, con parametri, requisiti e vincoli identici. Bisognerà, al contrario, prevedere procedure diversificate che tengano conto delle dimensioni aziendali. Infine, ridurre il numero di tipologie di intervento, di misure. Sull’ultimo Psr siamo arrivati a quasi cento tipologie. Sono troppe, creano confusione, alcune sono risultate poco comprensibili. Sulla nuova programmazione questo non dovrà accadere. Anche in questo caso bisognerà semplificare e snellire».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il Comandante della Stazione dei Carabinieri di Monteverde a "L'Eredità"

  • Coronavirus al Moscati, il pronto soccorso è pieno: siamo al collasso

  • Coronavirus in Campania: De Luca chiude le scuole primarie e secondarie

  • Emergenza Coronavirus, il presidente De Luca ha firmato l’ordinanza

  • Apre alle 5 del mattino, i carabinieri chiudono l'American Bar

  • Incidente mortale in moto: chi era Maria, professionista dal "gran cuore"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento