Politica

Nuovo gruppo di Verdini: cosa ci fa il rotondiano ex deputato De Luca?

Ufficializzata la rottura con Forza Italia di Berlusconi. Nel gruppo al Senato c'è anche Barani, uomo di fiducia di Stefano Caldoro. Anche l'ex governatore con i suoi fedelissimi lasciano il partito?

Cosa ci faceva Franco De Luca, braccio destro di Gianfranco Rotondi alla presentazione ufficiale del nuovo gruppo sorto in Senato su iniziativa di Denis Verdini? Tra i presenti in sala, come testimonia la foto c'era l'ex deputato avellinese che ha sempre seguito come un'ombra l'ex ministro. Anche Gianfranco Rotondi seguirà Denis Verdini? Staremo a vedere. Intanto  l’addio a Forza Italia dell’ex braccio destro di Berlusconi si è consumato.

"E’ uno strappo e come tutti gli strappi addolora e fa male. Quando non ci sono identità di vedute nessuno finisce o muore, uno vede le cose in maniera diversa. Ho una grandissima lealtà che mi lega a Berlusconi ma vediamo le cose in maniera diversa. Lui – prosegue Verdini – è sempre stato in questi 20 anni lungimirante però questo non significa che sempre si vedono le stesse possibilità. Come tutti gli strappi fanno male il dolore uno se lo tiene e tira fuori l’ottimismo. La nostra storia legata a Berlusconi è straordinaria e fa male parlarne. Non ne vogliamo parlare, parliamo di quello che facciamo. Eravamo a disagio all’interno dei gruppi dove avevamo militato non rinneghiamo niente”.

Ma scorrendo l'elenco dei senatori che hanno aderito al neo gruppo  Alleanza liberalpopolare autonomie non passa inosservato anche il nome di Lucio Barani, socialista della prima ora che condivide insieme a Stefano Caldoro il controllo del del cespuglietto Nuovo Psi. Nuovi orizzonti anche per l'ex governatore Caldoro, e per i suoi fedelissimi dopo la bruciante sconfitta alle regionali? 

L'obiettivo vero, scrive oggi il quotidiano La Repubblica, è l'approdo in una grande coalizione di centristi della quale Angelino Alfano e Pier Ferdinando Casini sarebbero i promotori. Il sottosegretario di Ncd Giuseppe Castiglione starebbe già da giorni lavorando in quella direzione.

Gli ex Forza Italia che mal digeriscono la linea aziendalista del partito si potrebbero trovare tutti sotto un unico cartello. Non mancheranno in Irpinia i riflessi: è noto a tutti che in Forza Italia si sono create due linee. Una del senatore Cosimo Sibilia, coerentemente da uomo di partito ha allestito e fatto sostenere la lista alle regionali. Dall'altra i "ribelli" che si sono ritrovati uniti con il solo intento di prendere un voto in più di Forza Italia sostenendo le liste di Caldoro presidente e Noi Sud ma non ci sono comunque riusciti nel loro obiettivo. I fedelissimi di Caldoro in Irpinia (Domenico Gambacorta, Ortensio e Ettore Zecchino, Flavio Petroccione, Sabino Morano) pronti ad abbracciare il nuovo progetto?

 Alla Camera, invece, si attenderà ancora qualche giorno per dare notizia del nuovo gruppo. E chissà che non ci sia qualche novità improtante...

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuovo gruppo di Verdini: cosa ci fa il rotondiano ex deputato De Luca?
AvellinoToday è in caricamento