menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mercogliano, sindaco nel mirino: esposto della minoranza in Prefettura

I consiglieri di minoranza denunciano l'atteggiamento del primo cittadino:"Non ci permette di amministrare"

E’bufera politica a Mercogliano. La minoranza in consiglio comunale, stanca dell’atteggiamento assunto dal sindaco Massimiliano Carullo,  ha presentato un esposto al Prefetto di Avellino.

I gruppi Mercogliano Cambia, L’altra Mercogliano e Per Mercogliano hanno voluto portare all’attenzione del dottor.  Carlo Sessa, i comportamenti del primo cittadino che secondo l’opposizione graverebbero “il diritto della minoranza di espletare appieno il mandato ricevuto”.
In particolare secondo i consiglieri all’opposizione Carullo si è reso colpevole di collocare le sedute del consiglio comunale in orario antimeridiano, prassi già censurata dalla Prefettura di Avellino nel 2011, in occasione del primo mandato del sindaco. Inoltre numerosi disagi sono dovuti anche al tempo per acquisire gli atti e la documentazione necessaria per richiedere l’inserimento di ulteriori argomenti all’ordine del giorno e presentare emendamenti. “Un’altra aspetto da evidenziare – aggiungono – è la mancata risposta del sindaco alle interrogazioni della minoranza. In tali occasioni il sindaco si limita  ad inoltrare note dei dirigenti amministrativi, i quali non possono riferire in ordine agli aspetti relativi agli indirizzi politici”.

Pomo della discordia poi, il consiglio convocato alle  ore 9.00 nel mese di maggio, orario il cui rinvio era necessario a causa degli impegni lavorativi di quattro consiglieri di minoranza su cinque. “Tale richiesta – si legge nell’esposto, non ha avuto alcun riscontro. Successivamente il consiglio è stato convocato, su richiesta della minoranza il 22 giugno, ma in tale occasione per mancanza del numero legale non si è potuto deliberare sugli argomenti all’ordine del giorno”.

Il sindaco di Mercogliano però invece di convocare un nuovo consiglio si è astenuto dal farlo. Da qui la denuncia al prefetto: “Non ritenendo più tollerabili comportamenti così lesivi delle prerogative dei consiglieri di minoranza, si richiede l’intervento del Prefetto di Avellino, al fine di censurare i comportamenti del sindaco – si conclude nell’esposto ”.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento