Giovedì, 13 Maggio 2021
Politica

Mercato ad Avellino, Ciampi: "Un braccio di ferro capriccioso che penalizza sia i commercianti che i cittadini"

"Sono ormai 9 mesi che si trascina una questione ormai stucchevole tra sindaco e mercatali"

VINCENZO CIAMPI, CANDIDATO ALLE REGIONALI CON IL MOVIMENTO CINQUE STELLE: Il post su Facebook. “Quando riaprirà il mercato bisettimanale dello stadio, di Piazzale degli Irpini. Quali sono le iniziative della Regione Campania che assiste senza proferire verbo ad un braccio di ferro capriccioso che penalizza sia i commercianti che i cittadini.

“Sono ormai 9 mesi che si trascina una questione ormai stucchevole tra sindaco e mercatali. Si tratta ora di chiamare in causa la Regione che si occupa dei mercati e del commercio come dice la legge regionale 21 aprile 2020, n. 7, testo unico sul commercio. O almeno dovrebbe. Ecco quali sono le finalità che la legge persegue.

Pluralismo delle strutture distributive e delle diverse forme di vendita;

valorizzazione del ruolo delle piccole e medie imprese e della identità commerciale del territorio;

libertà di concorrenza nell'accesso al mercato;

riqualificazione dei centri storici e dei centri urbani attraverso lo sviluppo e la valorizzazione delle attività commerciali.

Mi chiedo quali di questi assunti sia stato tenuto in conto dall'amministrazione locale e quali siano le iniziative della Regione Campania che assiste senza profferire verbo ad un braccio di ferro capriccioso che penalizza sia i commercianti che i cittadini. Le condizioni economiche evidentemente di chi frequenta i mercati sono sconosciute a chi ci amministra. I prezzi più bassi sono per le famiglie meno abbienti, il piccolo commercio è l'anima dell'economia locale da sempre. Io sto con i mercatali, subito risposte dalla Regione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mercato ad Avellino, Ciampi: "Un braccio di ferro capriccioso che penalizza sia i commercianti che i cittadini"

AvellinoToday è in caricamento