menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Legittima Difesa, parte dall'Irpinia la proposta di legge ad iniziativa popolare

Ettore De conciliis, riferimento del Movimento Sovranista è tra i fautori

Depositata presso la Suprema Corte di Cassazione la Proposta di legge di iniziativa popolare sulla Legittima Difesa.

Tra i firmatari Ettore De Conciliis, riferimento della destra in Irpinia e referente del Movimento Sovranista

"Se il nostro testo trovasse l'approvazione del Parlamento, al termine della raccolta di firme, avremmo compiuto una missione epocale: cambiare gli articoli 52 e 55 del codice penale in senso garantista per il cittadino costretto a difendersi dalle aggressioni, dalla violenza e dalla prepotenza.

Non vogliamo la "giustizia privata", anzi ribadiamo che occorra investire più risorse nella sicurezza e implementare mezzi e organico delle forze di polizia. Allo stesso modo, però, vogliamo che sia chiaro che, quando si verifica una aggressione, specialmente in casa, il cittadino che si difende per proteggere sè e la sua famiglia non debba essere punito da quello stesso Stato che non è riuscito a prevenire quella aggressione.

Abbiamo pensato ad una legge che tuteli i deboli contro i forti, gli onesti contro i disonesti, le persone perbene contro i delinquenti" spiega De Conciliis.

Ecco il testo della Proposta di legge:

Art.1 (Modifiche dell’art.52 cp sulla difesa legittima)
L’articolo 52 del codice penale, dopo il comma 1, è modificato come segue:

“Se l'offesa crea una situazione di pericolo per la vita o l'incolumità di una o più persone la proporzionalità va valutata in relazione ai mezzi di difesa a disposizione.
Ferme le disposizioni del primo e secondo comma e degli articoli seguenti, in quanto applicabili, nei casi previsti dall'articolo 614, primo e secondo comma, è consentito l’uso della forza, attraverso ogni mezzo idoneo, comprese le armi da fuoco legalmente detenute, per respingere chi si sia introdotto all’interno del domicilio dell’agente.
La pericolosità dell'offesa è, comunque, sempre presunta e la reazione è sempre adeguata contro chi si introduce, al fine di commettere reati, in abitazioni o loro dipendenze o all'interno di ogni altro luogo ove venga esercitata un'attività commerciale, professionale o imprenditoriale, anche momentaneamente non abitato.”

Art. 2 (Modifiche dell’art.55 cp sull’eccesso colposo)

All’articolo 55 del codice penale, dopo il comma 1, viene aggiunto:
“L'eccesso colposo non è punibile se si è agito per la concitazione, la confusione o la paura creata dall'aggressione.
Non possono essere disposte misure cautelari a carico di chi ha commesso il fatto nelle situazioni previste dal (proposto) comma 4 dell’articolo 52”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, 67enne deceduta al Moscati

  • Cronaca

    Coronavirus in Irpinia, due anziani deceduti al Frangipane

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento