rotate-mobile
Politica

Ciclo integrato dei rifiuti, D'Alessio: "Entro inizio 2023 riusciremo a soddisfare le esigenze di migliaia di cittadini"

Si è tenuto oggi l'incontro tra il Presidente della Provincia di Avellino Rino Buonopane e il numero uno di ATO Rifiuti: "Ci siamo aggiornati alla prossima settimana per cercare di smussare questioni tecniche che porteranno, poi, alla gestione del ciclo integrato"

Vertice proficuo a Palazzo Caracciolo tra Provincia di Avellino e ATO Rifiuti sulla definizione delle procedure tecnico-economiche riguardanti la gestione del ciclo integrato dei rifiuti.

D'Alessio: "Cercheremo di condividere le nostre ragioni anche con il Sindaco di Avellino, Festa"

"È stato un incontro molto interessante" dichiara Vittorio D'Alessio, Presidente dell'ATO Rifiuti di Avellino. "Abbiamo chiarito le rispettive posizioni, c'è una convergenza in quella che è la nostra volontà di risolvere immediatamente la questione della gestione integrata dei rifiuti. Ci siamo aggiornati alla prossima settimana per cercare di smussare questioni tecniche che porteranno, poi, alla gestione del ciclo integrato da parte dell'ATO".

Sui tempi tecnici: "Dopo la riunione di stasera, saranno sicuramente molto più celeri. Speriamo che si possa arrivare, quanto prima, ad avere le autorizzazioni perché, al di là della volontà dei due Enti, c'è anche un percorso da effettuare per quanto concerne la richiesta alla Corte dei Conti e all'Osservatorio Nazionale dei Rifiuti. Occorreranno, almeno, due mesi per ottenere i rispettivi nulla osta. Pertanto, ritengo che, all'inizio del 2023, riusciremo a trovare una sintesi per partire e cercare di soddisfare le esigenze di 114 comuni della provincia e di migliaia di cittadini irpini".

"È necessaria, innanzitutto, la costituzione di una Newco, la quale ha bisogno di autorizzazioni per partire" aggiunge D'Alessio. "Il 1° dicembre, ci sarà una successiva riunione, dove si definiranno alcune questioni tecnico-economiche, per poi presentare il cronoprogramma riguardante le attività che ci siamo preposti di svolgere per l'affidamento del servizio. Al momento, non vi è nessuna valutazione riguardante la cifra; potrebbe anche non esserci, come avvenuto anche in altre province campane. Posso dire soltanto che abbiamo assistito a una massima apertura della Provincia. Cercheremo, insieme, di soddisfare le esigenze dei cittadini e fare i conti con le casse dei rispettivi Enti. I cittadini vogliono un abbassamento della tariffa, un migliore esercizio dello smaltimento dei rifiuti e, quindi, vogliono servizi. Ed è su quest'aspetto che ci siamo incanalati. Cercheremo di condividere le nostre ragioni anche con il sindaco di Avellino, Gianluca Festa: se poi la legge gli consente di andare in SAD, libero di farlo".

Buonopane: "Interlocuzioni nell'interesse sia dell'ATO che della stessa Provincia per capire come muoverci"

Secondo quanto affermato dal Presidente della Provincia di Avellino, Rino Buonopane: "Si tratta di un'attività che dovrà essere svolta, per cui non abbiamo ancora parlato di cifre. Abbiamo raccolto le reciproche volontà, volte ad agevolare questo percorso, e ci siamo ridati appuntamento a giovedì prossimo, al fine di entrare maggiormente nel merito delle questioni che sono, sostanzialmente due: l'impiantistica e la gestione del servizio. Sarà un percorso tutto da costruire".

"Ci sarà un'interlocuzione tra gli uffici e, nella seduta di giovedì prossimo, parteciperanno al tavolo anche i liquidatori dei precedenti consorzi, nell'interesse sia dell'ATO che della stessa Provincia, per capire come muoverci" conclude Buonopane. "Per rispettare la scadenza dei termini, adotteremo un cronoprogramma: per il momento, inizieremo dalla riunione di giovedì prossimo e, sulla base di quello che vi emergerà, andremo a definire anche i successivi appuntamenti". 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclo integrato dei rifiuti, D'Alessio: "Entro inizio 2023 riusciremo a soddisfare le esigenze di migliaia di cittadini"

AvellinoToday è in caricamento