Politica

La Giunta Regionale della Campania ha approvato la delibera per le “Aree di crisi non complesse”

Mario Melchionna: "Occorre investire creando sviluppo e occupazione nella nostra regione e in particolare nelle 'aree di crisi' individuate che, presentano potenzialità di sviluppo industriale"

La Giunta Regionale della Campania ha approvato la delibera per le “Aree di crisi non complesse”: agglomerati di Comuni al cui interno sono presenti aziende che avranno la possibilità di presentare progetti di ampliamento, ristrutturazione e riapertura e usufruire degli incentivi promossi dalla Regione Campania e dal Ministero dello Sviluppo Economico.

“La Giunta Regionale –afferma Mario Melchionna , Segretario Generale Cisl IrpiniaSannio- ha svolto una puntuale analisi dei sistemi locali di lavoro, considerando il numero di addetti al settore manifatturiero, le superfici destinate alle attività produttive e il grado di dinamismo territoriale. Obiettivo finale è sicuramente quello di investire creando sviluppo e occupazione nella nostra regione e in particolare nelle ‘aree di crisi’ individuate che, presentano potenzialità di sviluppo industriale. Più di 250 sono i Comuni della regione Campania classificati nelle ‘aree non complesse’, per quasi 3 milioni di abitanti e 124mila addetti alle attività manifatturiere. In Irpinia sono 88 i Comuni coinvolti (da aggiungere n.4 Comuni della Valle Caudina che figurano nell’area beneventana di Montesarchio) e nel Sannio 40. La Cisl ha preteso in più occasioni l’inserimento della regione Campania tra le regioni destinatarie dei benefici  previsti dai provvedimenti del Governo finalizzati a sostenere investimenti e riorganizzazioni industriali nelle aree di crisi. Le OO.SS. hanno individuato nel Tavolo di coordinamento interassessoriale la strada più idonea per  superare le difficoltà della normativa sugli  ammortizzatori sociali e  promuovere  e incentivare percorsi virtuosi per investimenti e nuovi insediamenti produttivi in Campania.  La Cisl si è battuta per evitare di privilegiare nella classificazione delle aree unicamente le grandi città metropolitane, in virtù del peso demografico , così da garantire un giusto equilibrio territoriale. La priorità -conclude Melchionna- è ricollocare i lavoratori rimasti fuori dai processi produttivi e tutelare i lavoratori esclusi da qualsiasi copertura economica”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Giunta Regionale della Campania ha approvato la delibera per le “Aree di crisi non complesse”

AvellinoToday è in caricamento