menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Giordano: "Malpancisti escano allo scoperto, chiudiamo era Foti"

Ma tra i banchi del consiglio ci saranno davvero consiglieri disponibili ad andare a casa, invece che vivacchiare su una poltrona?

I numeri non sono dalla loro parte. Ma l'opposizione al sindaco Paolo Foti chiede un gesto "forte" ai malpancisti della maggioranza che sorregge il sindaco di Avellino. Una strada difficile che mette quasi spalle al muro coloro che criticano l'operato di Foti. Giancarlo Giordano e tutti gli altri gruppi che sono alternativi da sempre a Foti presenteranno una mozione di sfiducia:  tredici le firme necessarie per portare la discussione in Aula e diciassette per mettere il sindaco nelle condizioni di chiudere anzitempo il suo mandato.

Ma tra i banchi del consiglio ci saranno davvero consiglieri disponibili ad andare a casa, invece che vivacchiare su una poltrona? Difficile. Intanto Giancarlo Giordano con una conferenza stampa fiume spiega: "Sul cambio in giunta non c'è stato nessuna discussione. Il sindaco, invece di una città, pare che amministri il condominio di casa sua. Nessuno ha potuto capire se gli assessori epurati sono stati bravi o no. A senso, per pura linea logica, devo immaginare che sono stati bocciati dal giudizio del sindaco. Cambiandone sette, egli esprime un giudizio di autobocciatura. Tutto questo è abbastanza singolare per non dire fastidioso".

Questa settimana doveva svolgersi il consiglio ma per un errore di procedura è stato rinviato: "Volendo prendere per buona la motivazione che hanno addotto, ci troviamo di fronte ad un nuovo caso di sciatteria amministrativa, negligenza che si risolve penalizzando il Consiglio Comunale. Questi sono stati gli elementi decisivi che mi hanno spinto a presentare la mozione anche se ce n’è uno in più".

Poi l'appello ai malpancisti: " Mi sono stufato di vedere decine di consiglieri di maggioranza o partecipare alle conferenze stampa degli assessori epurati e applaudire, o incontrarli urlanti nei corridoi di Palazzo di Città e poi sempre silenti, accucciati intorno al caminetto del potere che questo Comune garantisce. Sono stanco di assistere a questi teatrini e offro a tutti i consiglieri l’opportunità di arrivare a una discussione di una mozione di sfiducia al sindaco. Questi oppositori hanno stufato anche i cittadini. Appena scendono le scale del comune parlano male del sindaco, criticano l’azione amministrativa, ci chiedono, mi chiedono di mandarlo a casa. Arrivano qua, qualche urletto, qualche inciucio e niente più. Ora sono di fronte ad una scelta. Io sono dalla parte di chi questo sindaco lo vuole mandare a casa. Spero di arrivare a 13 firme. Stare all’opposizione stando in maggioranza è una bizzarria che solo il Pd poteva fare. Sono anche disposto a ritirare la mozione ma questi signori mi devono garantire che voteranno contro il Bilancio. Offro ai “malpancisti” di maggioranza la possibilità di uscire allo scoperto. Se diranno no almeno tornino ad appoggiare l’azione amministrativa del sindaco. Viceversa è il momento migliore per mandarlo a casa. Si voterebbe in Primavera".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola, medie e superiori in presenza: ecco quando

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento