Sabato, 31 Luglio 2021
Politica

Fondazione di Partecipazione, Festa pubblica lo statuto

Questa mattina, presso la sala stampa del Comune di Avellino, la Commissione Cultura si è riunita per discutere dello Statuto della Fondazione Cultura, predisposto dal notaio Pellegrino D’Amore e approvato lo scorso 28 giugno

Questa mattina, presso la sala stampa del Comune di Avellino, la Commissione Cultura si è riunita per discutere dello Statuto della Fondazione Cultura, predisposto dal notaio Pellegrino D’Amore e approvato lo scorso 28 giugno dalla Giunta comunale ma non ancora pubblicato a causa dell'assenza di firma. La riunione è avvenuta alla presenza del dirigente del settore cultura Michele Arvonio e della funzionaria Gaetana Rescigno in sostituzione del segretario Lissa. Questi ultimi hanno risposto alle richieste di delucidazione dei membri della Commissione Cultura spiegando a grandi linee la futura gestione del patrimonio culturale del capoluogo irpino.

Ferdinando Picariello, Alessandra Iannuzzi e Luca Cipriano, hanno però riscontrato alcune incongruenze ed ambiguità per quanto riguarda la composizione e competenza del Consiglio di Amministrazione, composto da un presidente, un direttore generale e da cinque membri. Sarà il Sindaco Festa il presidente della fondazione e sarà lui a nominare i membri del consiglio di amministrazione.

La Fondazione Avellino Cultura gestirà le strutture cittadine a vocazione culturale: Eliseo, Teatro Carlo Gesualdo, Casino del Principe, Villa Amendola e la futura dogana. Scopo della fondazione è la tutela e valorizzazione del patrimonio culturale, la ricerca socio-culturale, l'organizzazione e gestione delle attività culturali.

Il sindaco ha pubblicato lo statuto della Fondazione di Partecipazione 

Nella serata di oggi, il sindaco di Avellino, Gianluca Festa, ha pubblicato lo statuto della Fondazione di Partecipazione, che proponiamo integralmente. Nel corso della diretta Facebook del 28 giugno, invece, il sindaco di Avellino Gianluca Festa rilasciò le seguenti dichiarazioni: “Abbiamo deliberato la nascita della Fondazione di Partecipazione, la struttura comunale che si occuperà di gestire le strutture comunali e che rappresenterà il nostro braccio operativo. Sarà la Fondazione di Partecipazione che si occuperà della gestione del Gesualdo e dell’Ex Eliseo ma stiamo immaginando di far gestire altre strutture come, ad esempio, il castello. Si occuperà soprattutto di gestire attività culturali. Noi riteniamo che la cultura rappresenterà un volano per il turismo locale”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione di Partecipazione, Festa pubblica lo statuto

AvellinoToday è in caricamento