menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa (Davvero): "Votiamo si al referendum"

Il gruppo Davvero, corrente del Partito Democratico, con riferimento Gianluca Festa sul referendum si schiera per il si

Il gruppo Davvero, corrente del Partito Democratico, con riferimento Gianluca Festa sul referendum si schiera per il si. "Il referendum abrogativo di domenica 17 aprile rappresenta, nella vita di ogni singolo cittadino, un appuntamento fondamentale per cercare di porre rimedio agli scempi ambientali perpetrati contro il nostro territorio dalle generazioni che ci hanno preceduto. 

E’ importante esprimere la nostra opinione rispetto ad un divieto chiaro ed assoluto relativo all'estrazione di petrolio vicino alle coste marine (entro le 12 miglia precisamente). Votando SI’, tutte le concessioni in essere relative a questa tipologia di estrazioni andrebbero progressivamente a cessare (oggi ne contiamo circa un centinaio) e metteremmo definitivamente al riparo i nostri mari, il paesaggio circostante ed il relativo ecosistema.

I rischi che correremmo se il quesito referendario venisse respinto, dunque, sono enormi. Infatti, per trovare il petrolio vengono effettuate esplosioni sottomarine d’aria compressa che sono molto pericolose per la fauna marina, in quanto tendono ad indebolire il sistema immunitario di molti animali. Inoltre, dalle piattaforme petrolifere vengono immesse in mare una gran quantità di sostanze chimiche pericolose. Alla luce di tali motivazioni tutti i militanti dell'area “”Davvero” del PD voteranno convintamente SI ed invitano tutti gli irpini a recarsi in massa domenica alle urne per fare lo stesso.

Voteremo SI nella speranza che, subito dopo il referendum, prenda finalmente il via un serio sviluppo delle politiche energetiche volte all'utilizzo, sempre maggiore, delle rinnovabili e delle risorse “inesauribili, cioè quelle che si rigenerano almeno con la stessa velocità con cui vengono consumate.

L'obiettivo dovrà essere quello di abbandonare, gradualmente ed irreversibilmente, l'utilizzo del fossile.

Anche attraverso il referendum continua, dunque, il nostro impegno affinché si diffonda in maniera sempre più incisiva una cultura ecologista basata sul rispetto, la tutela e la valorizzazione del nostro territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento