menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Estetiste e parrucchieri potrebbero riaprire prima, l'annuncio di Conte

Il Premier: "Non mi aspetto un particolare aumento dei contagi"

"Ora ci sono soglie definite di allarme, possiamo studiare un'eventuale anticipazione delle aperture con differenziazioni geografiche. In presenza di un protocollo di sicurezza per spazi, ambienti e attività, si potrà decidere di anticipare le aperture di centri estetici, parrucchieri, ma anche teatri".

Lo afferma Giuseppe Conte in un'intervista del Fatto Quotidiano in cui si dice sicuro che il governo arriverà a fine legislatura.

"Non mi lascio orientare dalle sensazioni - sottolinea Conte - o dalle immagini tv. Ma vedo che il piano ha funzionato, con un'attuazione ordinata del rientro di 4,5 milioni di lavoratori tra fabbriche e uffici. Anche le nuove regole sui trasporti non hanno bloccato gli spostamenti, anch'essi finora molto ordinati. Si conferma il senso di responsabilità dei cittadini, la grande attenzione al rispetto delle regole. E questo mi fa ben sperare sul fatto che la curva dell'epidemia resti sotto controllo. Detto ciò, questo virus è un male invisibile quindi fare previsioni è azzardato, hanno difficoltà pure gli scienziati".

Sugli spostamenti tra regioni aggiunge:

"Non c'è una soglia specifica decisiva. Gli indici che segnalano l'allarme e farebbero scattare una chiusura non sono collegati solo a R0, ma a una ventina di parametri: densità abitativa, test fatti, nuovi contagiati, posti disponibili negli ospedali ecc. Per spostarsi tra regioni bisognerà aspettare. Idem per la riapertura del commercio al dettaglio, prevista per il 18 maggio: non si possono fare previsioni. Non mi aspetto un particolare aumento dei contagi, perché ormai si è diffusa fra i cittadini un'educazione generale alla convivenza col virus. Anche se ci sono settori che non possiamo controllare del tutto, come gli ambiti familiari. Lo stesso il ritorno in fabbrica, nonostante i protocolli rigorosi, potrebbe far risalire la curva. Ma stiamo facendo tutto con grande scrupolo e abbiamo un piano che ci consente, se le cose andassero male, di intervenire in modo mirato, geograficamente circoscritto, e non generalizzato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento