rotate-mobile
Elezioni

Rino Genovese: "Un patto civico per una democrazia partecipata e una nuova visione della città"

Presentazione del Candidato Sindaco di Avellino Rino Genovese alla Sala Blu del Carcere Borbonico

Presso la Sala Blu del Carcere Borbonico di Avellino, si è tenuta la presentazione del candidato a Sindaco di Avellino Rino Genovese che ha illustrato il suo programma, la coalizione e le liste, nonché i candidati al Consiglio comunale.

Rino Genovese: "Un patto civico per una democrazia partecipata e una nuova visione della città"

“Pronti, partenza, via: si inizia da qui. Parte la discesa in campo di questo grande progetto, una politica civica che è qualcosa di diverso dal civismo di maniera con cui i nostri avversari vorrebbero etichettarci”, esordisce Rino Genovese. “Il civismo di maniera è un mettersi insieme per conquistare il potere fine a se stesso. La politica civica, invece, è una visione della città condivisa con la comunità, è la voce della città, e questo è il nostro patto civico. In questa campagna elettorale non sprecherò mai una parola né per commentare la questione giudiziaria, che è diversa dalla campagna elettorale, né per rispondere ad attacchi, a volte anche patetici, sulla mia persona e sulla mia coalizione. Voglio parlare dei programmi, delle idee che ho discusso con la città, dei tanti problemi che abbiamo ad Avellino e della nostra proposta per risolverli. Ripeto, il patto civico è l’unione non di partiti, di simboli, ma di culture politiche: liberal-democratiche, popolari, moderate, riformiste. Soprattutto, è l’unione di tanti giovani, uomini, donne, intelligenze e culture che hanno deciso di mettersi a disposizione della nostra comunità. L’Avellino di Rino Genovese inizia da un principio base che guiderà la nostra campagna elettorale, il nostro programma e la nostra azione amministrativa: la democrazia partecipata. La realizzeremo istituendo, come primo atto programmatico della nostra amministrazione, i comitati di quartiere. Il dialogo incessante e quotidiano tra amministrazione e cittadinanza sarà ciò che caratterizzerà la nostra azione. Il nostro slogan e le quattro priorità fondamentali che i cittadini ci hanno indicato nei sondaggi sono riassunte nell’acronimo GATE, che in inglese significa cancello: G come giovani, A come ambiente, T come territorio, E come economia e occupazione. Il cancello che apriremo per entrare nell’Avellino dei nostri sogni. Non mi preoccupo perché l’entusiasmo è tale che ritengo davvero di poter vincere al primo turno. Non esistono sfidanti, ma interlocutori con i quali dialogherò, sperando di condividere delle posizioni programmatiche. C’è un DNA comune tra tutti noi: il DNA del voler bene alla nostra città. Lavoriamo insieme, sbracciamoci le maniche, andiamo avanti e vinca il migliore. Il nostro patto civico è innanzitutto un patto etico. La questione giudiziaria è una cosa, la questione morale è un’altra. Sulla questione morale ci impegneremo al massimo. Certo, la mia amministrazione non si permetterà mai, per esempio, di non pubblicare le delibere. Anzi, non solo saranno pubblicate immediatamente all’albo pretorio, ma saranno comunicate immediatamente alle opposizioni e a voi giornalisti, affinché ognuno, nel proprio ruolo, possa esercitare il diritto-dovere di approfondimento, critica e valutazione. Affrontiamo le questioni morali con grande senso di responsabilità, ma abbiamo anche l’esigenza di costruire le condizioni per una pacificazione sociale. La pacificazione sociale non può essere uno slogan: non si predica, si pratica”, conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rino Genovese: "Un patto civico per una democrazia partecipata e una nuova visione della città"

AvellinoToday è in caricamento