Fruncillo (Forza Italia): "Ascolto i territori, c'è molto malcontento"

La candidata si è incontrata con vari sostenitori del suo partito e non solo a Volturara.

Continua il tour elettorale della candidata nelle liste di Forza Italia, Ines Fruncillo. Tappa, quest’oggi nell’aula consiliare  di Volturara Irpina, all’incontro organizzato da Armando Sparano, rappresentante di Forza Italia, e Michele Marino Responsabile Settore Forestazione-Ambiente presso la Comunità Montana Terminio-Cervialto.

“Non faccio promesse che non posso mantenere, questa è una cosa che mi hanno insegnato e che ho sempre rispettato in politica. Per questo il mio programma elettorale parla di scelte e proposte semplici, concrete, utili e attuabili. Nel mio tour elettorale  cerco di ascoltare i bisogni del territorio, ricevendo molti contributi e molte proposte, e che spero di  portare dentro il mio progetto politico per i prossimi cinque anni di governo regionale. Serve la speranza per affrontare questa fase di crisi, ma serve anche competenza e credibilità per trovare le soluzioni ai problemi. Tutela del territorio e della sicurezza degli abitanti possono tradursi in nuove e diffuse opportunità di sviluppo, in termini sia di crescita, sia di inclusione sociale. Una valorizzazione adeguata delle aree interne, dei loro boschi, valli, fiumi,  borghi e centri maggiori, può consentire nuove, significative opportunità di produzione e di lavoro: nei comparti del turismo, dei servizi sociali, dell’agricoltura, della rivitalizzazione e valorizzazione degli antichi mestieri, dove possono combinarsi saperi stratificati e innovazione”. 

Particolare attenzione è stata rivolta alle problematiche delle Comunità Montane. “La Comunità Montana dovrebbe avere un ruolo perché è un ente, un'istituzione che si connota per l'identità di una valle e dei suoi abitanti, e le popolazioni che vivono in queste zone  hanno peculiarità diverse dal resto della popolazione. Hanno delle tradizioni, hanno un vivere quotidiano che va rispettato dalle leggi e che va potenziato. Non si tratta di un discorso assistenzialistico.  Si tratta di valorizzare potenzialità e peculiarità. Grandi sacrifici da parte degli operatori idraulico-forestali, hanno assicurato la tutela della montagna e dell’ambiente montano non solo per quanto attiene la lotta agli incendi ma anche la salvaguardia da rischi di dissesto idrogeologico.  Questi lavoratori vanno tutelati. 

Abbiamo notizie positive dalla Regione Campania, con la definitiva sottoscrizione dell’Atto integrativo sull’Accordo di Programma Quadro “Infrastruttura regionale forestale”, stipulato tra i Ministeri dello Sviluppo Economico, delle Politiche Agricole, dell’Ambiente e la Regione, l’APQ può esplicare i suoi effetti, dando via libera ai finanziamenti degli interventi di manutenzione straordinaria progettati e realizzati in attuazione diretta dalle 20 Comunità Montane e dalle Province per un valore complessivo di 60 milioni. A dicembre scorso è stata erogata una anticipazione di 15 milioni, ora si potrà procedere all’erogazione degli ulteriori 45 milioni, a seguito di rendicontazione da parte degli enti delegati delle somme già ottenute. Questo è solo l’inizio, la mia attenzione sarà guardare  alla programmazione delle risorse europee 2014/2020, per cercare di attrarre altri finanziamenti che daranno respiro alle Comunità Montane e al nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Migliori pizzerie di Avellino, ecco la "Top Ten" di novembre 2019

  • Migliori bar di Avellino, ecco la "Top Ten" di novembre 2019

  • Nuovo Clan Partenio, vent'anni di turbativa d'asta: si stringe il cerchio

  • Il mercato bisettimanale di Avellino trasloca

  • Medico muore durante il servizio notturno

  • Nuovo Clan Partenio, la custode giudiziaria è pronta a collaborare

Torna su
AvellinoToday è in caricamento