menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caldoro parte dall'Irpinia: incontro con Gargani, Zecchino e Gambacorta

L'incontro si terrà nel pomeriggio alle ore 17:30 presso l'Hotel De La Ville di Avellino

Stefano Caldoro fa tappa in Irpinia e apre la campagna elettorale per le elezioni regionali con la presentazione del libro di Giuseppe Gargani. L’incontro si terrà lunedì (4 maggio) alle ore 17:30 presso l’Hotel De La Ville di Avellino (Via Palatucci, 20). Subito dopo la presentazione delle liste, il candidato presidente Caldoro torna in Irpinia per incontrare amministratori, dirigenti e i tanti sostenitori.  L’occasione è data dalla presentazione della recente pubblicazione del libro di Gargani, dal titolo “Io e il Partito”, curato dalla giornalista Rosy Cefalo per le Edizioni Il Papavero. 

Al tavolo insieme all’autore e al governatore uscente Caldoro, ci saranno anche l’ex ministro per l'Università e la ricerca scientifica Ortensio Zecchino e il presidente della Provincia di Avellino Domenico Gambacorta. L’ultimo lavoro di Gargani è una lunga e appassionata intervista in cui parla del rapporto che ha avuto con la Democrazia Cristiana sin dalla militanza nel movimento giovanile, il modo in cui si è posto nei confronti della politica e l’era Renzi. E, nello stesso tempo, offre una disamina più vasta sulle prospettive di rilancio per il Mezzogiorno, a partire dalla Campania, temi importanti che hanno da sempre contraddistinto la sua lunga e intensa carriera politica. "Con la crisi dei partiti ha prevalso l’“indistinto” - afferma Gargani -  il provvisorio che non è un valore perché è privo di identità. Si va alla ricerca di un potere da conquistare senza motivazioni e senza una finalità: questo è il qualunquismo. In un periodo di grande difficoltà per la democrazia è necessario ribadire con forza che i partiti nell’Italia Repubblicana hanno recitato un ruolo importante e fondamentale che non può essere cancellato. Resto democristiano non per nostalgia ma perché vorrei che quei valori ispirassero un cambiamento effettivo nella cultura e nel costume rispetto ai nuovi problemi della società. Oggi più che mai di fronte al panorama di liste, per le elezioni regionali, ibride con collegamenti innaturali e irrazionali è necessario fare appello alla sensibilità del popolo che esige valori e non trasformismo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento