rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Elezioni

Elezioni, Unione Popolare con De Magistris si presenta: "Vogliamo iniziare un cammino di riscatto per questa terra"

Le parole di Giuliano Granato, candidato al plurinominale della Camera: "È necessario, anche qui ad Avellino, il salario minimo di 10 euro all'ora, al di sotto è sfruttamento". E sulla sanità: "L'Irpinia vive il disastro dei tagli, la politica dovrebbe avviare cambi strutturali"

"Costruire insieme l’Italia di cui abbiamo urgentemente bisogno e ricominciare a guardare con fiducia al futuro". Questo l'obiettivo di Unione Popolare, la formazione guidata da Luigi De Magistris, che ha fatto tappa ad Avellino per presentare agli elettori del capoluogo irpino il programma elettorale per il voto del 25 settembre.

Granato: "È necessario, anche qui ad Avellino, il salario minimo di 10 euro all'ora"

"Vogliamo iniziare un cammino di riscatto per questa terra, massacrata da una politica che tanto a livello locale, quanto a livello nazionale, si dimentica della maggioranza della nostra gente e se ne ricorda soltanto quando c'è una scheda in un'urna" dichiara Giuliano Granato, candidato al plurinominale della Camera per Unione Popolare. "È tempo di dire basta: la Campania è una terra ricca di intelligenze e di futuro, ma il futuro ci viene calpestato. È necessario, anche qui ad Avellino, il salario minimo di 10 euro all'ora, al di sotto è sfruttamento. Eppure, ci sono troppi lavori, anche nel pubblico e nei servizi esternalizzati, che vanno avanti a ritmo di 4-5 euro all'ora. Abbiamo bisogno di affrontare il vero problema di queste terre, ossia l'emigrazione. Da questa terra, ogni anno, partono migliaia di giovani per non tornare più. Gli unici che partono volentieri sono coloro che vengono piazzati al Parlamento a Roma da una clase politica che sa fare solo interessi familiari e piccole cricche al potere".

"Il nostro è l'unico voto credibile, ognuno di noi ha delle storie credibili. Ciò che diciamo, lo facciamo" continua Granato. "Il nostro capo politico, Luigi De Magistris, è l'unico che ha portato a Napoli l'acqua pubblica, dopo che un referendum popolare, nel 2011, è stato approvato con 26 milioni di voti. In tutto il resto d'Italia, non vi è acqua pubblica, a Napoli sì. Il nostro è un voto utile, perché siamo persone normali, gente che ha affrontato i licenziamenti, il lavoro nero, l'emigrazione. C'è chi ancora è fuori e chi è tornato. Siamo parte del nostro popolo, siamo gli unici che capiscono quali sono i bisogni e le possibili soluzioni e non abbiamo paura di affrontare le cricche al potere. Lo abbiamo fatto già facendo nomi e cognomi, che ci querelino pure. Abbiamo troppo a cuore l'interesse della nostra gente per avere paura di queste cose".

Elezioni, Unione Popolare con De Magistris si presenta: "Vogliamo iniziare un cammino di riscatto per questa terra"

Un messaggio dal Moscati: "L'Irpinia vive il disastro dei tagli alla sanità pubblica"

Qualche ora prima della conferenza stampa di presentazione della lista, il candidato al plurinominale della Camera per Unione Popolare, con un gruppo di attivisti, ha lanciato un messaggio da un luogo simbolico della sanità campana, l'Ospedale Moscati di Avellino: "Meno proclami e più investimenti per la sanità pubblica. In particolar modo, l'Irpinia vive il disastro dei tagli alla sanità pubblica: basti pensare che, dopo la chiusura dell'ospedale di Solofra e la drastica riduzione di quello di Sant'Angelo, restano attivi solo il Moscati di Avellino e il Frangipane di Ariano. Al Moscati, dei 700 posti previsti, ne sono attivi solo 350 e il personale è fortemente dimensionato, tanto che infermieri e medici, nonostante enormi sacrifici, spesso non riescono ad affrontare come si dovrebbe il flusso di persone che transita, ad esempio, nel Pronto Soccorso. La politica dovrebbe avere il coraggio di avviare cambi strutturali, cominciando con l'abolizione del numero chiuso per le Facoltà di Medicina e trovando risorse per assumere personale sanitario con contratti più giusti e salari più dignitosi. Invece, nel silenzio assoluto, ad esempio il 19 agosto è apparso nella Gazzetta Ufficiale, nel decreto legge semplificazioni, un articolo in cui si prevede lo sconto o addirittura un bonus sull'IVA per chi si rivolge alla sanità privata. Noi di Unione Popolare vogliamo invertire la rotta, dando più dignità e sicurezza agli operatori sanitari tutti, dai medici agli infermieri agli OSS, e investendo ogni possibile risorsa sulla sanità pubblica, che è l'unico baluardo e l'unico anticorpo che abbiamo e che dobbiamo assolutamente difendere, prima che ci venga completamente portato via".

Unione Popolare con De Magistris: i punti programmatici della lista

Ricompensare e rispettare il lavoro; lottare per la sicurezza economica e contro la povertà; perseguire la pace e la democrazia in Europa e nel mondo; migliorare la sanità e la pubblica amministrazione; ridare dignità all’istruzione e investire nella ricerca e nella cultura; fermare l’autonomia differenziata e salvaguardare i beni comuni e i servizi locali. Sono queste alcune delle proposte programmatiche della lista guidata da De Magistris, "necessarie per affrontare i problemi di lungo corso del nostro paese e le nuove emergenze degli ultimi anni", riassunte con il motto "L'Italia di cui abbiamo bisogno".

Nella premessa del testo si legge che "questo è un programma diverso da quello degli altri partiti che si presentano alle elezioni del 25 settembre. È l’unico programma pacifista e contro le guerre, per la fratellanza universale, la giustizia sociale, economica ed ambientale, contro corruzioni e mafie".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Unione Popolare con De Magistris si presenta: "Vogliamo iniziare un cammino di riscatto per questa terra"

AvellinoToday è in caricamento