rotate-mobile
Venerdì, 2 Dicembre 2022
Elezioni Cesinali

Elezioni, Petrozzelli: "I partiti dell’area progressista si adoperino per una nuova classe dirigente"

Le parole del referente locale di '6000 sardine' e del gruppo consiliare 'Giovani per la Valle del Sabato': "Ora spazio a nuove energie"

Riceviamo e pubblichiamo la seguente nota di Claudio Petrozzelli, consigliere comunale di Cesinali, referente locale di "6000 sardine" e del gruppo consiliare "Giovani per la Valle del Sabato".

"Vi diranno che la gente non li ha capiti; sbiascicheranno scuse improbabili dopo che per settimane hanno scritto che le cittadine ed i cittadini erano con loro; parleranno di come continueranno ad impegnarsi per il territorio, nonostante è proprio il loro scarso impegno ad averci relegato al primo governo post-fascista della nostra storia Repubblicana. Questa sconfitta, al netto di miracoli provenienti dalle prossime proiezioni, segna la morte politica di una classe dirigente che ha portato l’Italia dall’essere un Paese cardine dell’Unione Europea ad uno dove da domani sarà più difficile reclamare i propri diritti. Questa classe dirigente ha portato 4 irpini su 10 a preferire il divano di casa al voto, stanchi di tutto il clientelismo e del pressappochismo di chi il cui unico fine era gestire la cosa pubblica come se fosse un affare privato. Questa classe dirigente ha fatto morire qualsiasi interesse delle persone nei confronti della politica, allontanando i giovani ed i militanti più anziani. Questa classe dirigente non ha mai pensato di salvare la nazione dalla deriva delle destre populiste e sovraniste ma ha cinicamente calcolato il proprio tornaconto sulla pelle degli italiani. Una classe dirigente che ha riaperto la questione meridionale (ed i dati sull’affluenza lo dimostrano), mancando quelle riforme strutturali necessarie per portare progresso e sviluppo. Per chiedere un cambiamento bisogna essere parte di esso. Per questo motivo è mia volontà, appena gli scenari futuri della mia area politica di appartenenza si delineeranno, impegnarmi in prima persona (ancora di più rispetto a quanto fatto finora), per portare la mia passione e le mie conoscenze all’interno di un contenitore politico che possa ridare fiducia e speranza ad un ampio bacino di elettori di sinistra che si sentono smarriti e delusi. Le urne sono state chiare: le persone sono stanche di certi metodi e di certe facce. Si abbia la dignità di farsi da parte. È giunta l’ora, per chi ha sempre precluso la strada a nuove energie, di sedersi e riflettere: non si può essere nello stesso momento la causa e la soluzione ai problemi del Paese e di un territorio".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elezioni, Petrozzelli: "I partiti dell’area progressista si adoperino per una nuova classe dirigente"

AvellinoToday è in caricamento