menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

De Mita non convoca il Consiglio da febbraio, l'opposizione si rivolge al Prefetto

Due esposti in Prefettura per il ripristino dell'equilibrio istituzionale

È bagarre a Nusco tra maggioranza e opposizione a causa della mancata convocazione del Consiglio comunale dal mese di febbraio. 

Il gruppo 'Insieme si può' insorge punta il dito contro il sindaco Ciriaco De Mita e si appella direttamente al Prefetto:

"Essendo rimaste inevase le nostre legittime e reiterate richieste da parte dell’amministrazione comunale in merito alla convocazione di consigli comunali nonché riguardo ad interrogazioni ed interpellanze abbiamo chiesto al Prefetto di Avellino, mediante il deposito di due esposti, rispettivamente, ex art. 39 TUEL ed ex art. 43 TUEL, di intervenire in modo risolutivo utilizzando tutte le forme previste dalle legge , nella propria veste istituzionale, nei confronti del sindaco e della giunta e del Presidente del Consiglio Comunale al fine di favorire il ripristino di condizioni di correttezza ed equilibrio istituzionale nonché la puntuale applicazione delle norme, oltre a stimolare la urgente ripresa della normale e regolare gestione amministrativa nel nostro Comune, oggi a maggior ragione, necessitata dalla drammatica crisi determinata dalla pandemia da Covid 19".

La parola passa al Prefetto Spena, la quale secondo il testo unico sugli enti locali subentra "in caso di inosservanza degli obblighi di convocazione del consiglio previa diffida". 

Intanto dalle pagine de Il Mattino Walter Vigilante, vice sindaco di De Mita, spiega che si sta avviando l'attività necessaria per tornare in Consiglio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento