Politica

Commissariamento infrastrutture stradali, Maraia: "Approvato l'ordine del giorno"

La nota del deputato del MoVimento 5 Stelle

"Nella giornata di ieri, la Camera ha approvato un ordine del giorno a mia firma sul D.L. “Semplificazioni”, finalizzato ad estendere l’opzione del commissariamento ad altre opere sia stradali che idriche.

Il Decreto-Legge18 aprile 2019, n. 32, in materia di disposizioni urgenti per il rilancio del settore dei contratti pubblici, per l'accelerazione degli interventi infrastrutturali, di rigenerazione urbana e di ricostruzione a seguito di eventi sismici, prevede che, per gli interventi infrastrutturali ritenuti prioritari, il Presidente del Consiglio dei ministri, su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti sentito il Ministro dell'economia e delle finanze, dispone la nomina di uno o più Commissari straordinari. 

Ebbene, attualmente il novero delle opere stradali valutabili per il commissariamento è limitato alle opere previste all’interno del Contratto di Programma ANAS.  

Per tale motivo, già in Commissione Ambiente, Territorio e Lavori pubblici, quando ho espresso il parere sullo schema di decreto per l’individuazione dei nuovi commissariamenti, ho affermato che si può e si deve fare di più, utilizzando lo strumento commissariale per portare a compimento in tempi rapidi opere strategiche situate in aree bisognose di un rilancio economico o fondamentali per lo scambio intermodale, come, tra le varie, le strade sulla direttrice Contursi-Termoli e la Strada a Scorrimento Veloce Lioni-Grottaminarda o la Manna-Camporeale; essendo queste ultime due opere parte dall'asse Roma-Napoli-Bari, sono opere collegate al PNRR, e per questo motivo ho chiesto un'integrazione dell'Esecutivo per farle rientrare nelle infrastrutture da commissariare. 

Non di meno, nel nuovo corso green inaugurato negli ultimi anni, appare opportuno chiedere al Governo un più incisivo intervento sulla questione idrica. L'istituto commissariale appare quello più adeguato per risolvere i mali che da anni affliggono tale settore e che procurano enormi spechi di acqua e disservizi per popolazione. 

Attraverso il mio ordine del giorno, quindi, la Camera ha impegnato il Governo a valutare l’opportunità di estendere il commissariamento a quelle opere ad oggi non comprese nel suddetto Contratto di Programma ANAS-MIT ed alle opere idriche, con lo scopo di colmare storici divari territoriali ed accelerare la realizzazione di infrastrutture che, attualmente, rivestono un’importanza strategica e fondamentale nei territori, soprattutto nel Mezzogiorno, superando le difficoltà in fase esecutiva".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commissariamento infrastrutture stradali, Maraia: "Approvato l'ordine del giorno"

AvellinoToday è in caricamento