Politica

Cesa: "Noi la tradizione democristiana", Bicchielli: "Il voto utile è solo al centrodestra"

Incontro ad Avellino con i candidati

La sfida di Noi con l’Italia è quella più difficile nel centrodestra solo per il fatto di essere nato pochi mesi fa. In Irpinia Lorenzo Cesa presenta i candidati del partito da Alfonsina Cornacchia, Franco Lo Conte, Antonietta Gialanella e Giuseppe Vecchione per la Camera che sostengono il candidato all’uninominale Pietro Foglia per tutto il centrodestra, inoltre c’è anche Pino Bicchielli candidato al proporzionale del Senato che sostiene a sua volta Giuseppe Galati nel collegio uninominale. Idee ben chiare dalla tradizione democristiana. Non fosse altro per lo scudo crociato che porta nel simbolo.

Lorenzo Cesa, qui in Irpinia, è ricordato comel'alternativa di Ciriaco e Giuseppe De Mita nell'Udc. “Mi dispiace che Giuseppe ha abbandonato, il consiglio nazionale si è espresso chiaramente che la nostra collocazione era nel centrodestra poiché sposa gli ideali del partito popolare europeo. Dobbiamo essere seri, non ci appartiene la retorica e con lo spirito dell’area cattolica assumiamo l’impegno di portare avanti il programma stilato insieme alle altre componenti del centrodestra”. Una armonia tra i vari partiti legata soprattutto dalle cose da fare sottoscritta da tutti. “Non è più il tempo delle chiacchiere, bisogna invertire la rotta, fare scelte serie, forti e coraggiose. La flax tax va in questo senso. Così faremo ripartire il Paese”.

A chi solleva dissidi con la Lega, Cesa chiarisce: “ Con Salvini abbiamo discusso di Europa, il nostro programma è chiaro, giusto cambiare le regole così come vuole anche la Lega, c’è bisogno di una nuova governance europea. Siamo riusciti a trovare una sintesi anche sull’immigrazione, sulla legge Fornero. L’unione fa la forza. “E’ giusto fare la manifestazione unitaria conclusiva, siamo stati tutti insieme i quattro partiti a costruire e lavorare per il programma e su ogni punto c’è stata una discussione serrata e quello che conta che poi tutti hanno preso l’impegno ad attuarlo. Non basta demolire tutto come vuole il Movimento 5 Stelle, l’Italia va presa per mano e portata fuori da dove si è cacciata dopo 5 anni di centrosinistra”.

Pino Bicchielli, candidato per il Senato: “invito a scegliere le persone che sanno amministrare e cosa è la politica, ogni voto deve essere utile, non sprechiamo voti per chi è fuori dalla partita. Diamo una stabilità al Governo e non facciamo un salto nel buio. Intervento choc, flax tax, condizioni famiglie italiane, nucleo fondante di poter spendere, coinvolgere giovani nella catena produttiva, far rimanere i giovani qui nelle proprie terre”.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cesa: "Noi la tradizione democristiana", Bicchielli: "Il voto utile è solo al centrodestra"

AvellinoToday è in caricamento