menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Carlo Sibilia presenta interrogazione al Ministro sul prefetto Sessa

"Con questa interrogazione - conclude il deputato 5 Stelle - intendiamo sapere se il Ministro Alfano abbia intenzione di assumere iniziative appropriate per stigmatizzare l'atto incauto"

A seguito della vasta eco che ha suscitato l’ordinanza del prefetto di Avellino, Carlo Sessa, con la quale si disponeva di non ritirare la patente agli automobilisti fermati dalle Forze di Polizia con un tasso alcolemico tra lo 0.81 e 1.5 gr per litro il deputato del Movimento 5 Stelle, Carlo Sibilia,fa sapere di aver depositato un’interrogazione a risposta scritta rivolta al Ministro dell’Interno Angelino Alfano.

“L’ordinanza - dichiara il parlamentare avellinese - ha suscitato scalpore nell’opinione pubblica, negli operatori del settore e nei sindacati di  categoria i quali addirittura hanno chiesto la rimozione del prefetto Sessa. Più che un provvedimento razionale sembra quasi una provocazione nei confronti delle autorità giudiziarie che, in taluni casi, valutano superficialmente i provvedimenti, annullandone gli effetti e, quindi, vanificando il lavoro fatto in precedenza”. “In tutti i casi - continua Sibilia - non possiamo permetterci simili uscite specialmente da chi rappresenta lo Stato sul territorio. La giustificazione secondo la quale i giudici comunque annullano i provvedimenti è inammissibile.

È un bene che il prefetto Sessa abbia ritirato la circolare del 20 luglio fino ad ulteriori disposizioni, adducendo la necessità di un maggior approfondimento con tutte le autorità che rivestono un ruolo di controllo”. “Con questa interrogazione - conclude il deputato 5 Stelle - intendiamo sapere se il Ministro Alfano abbia intenzione di assumere iniziative appropriate per stigmatizzare l’atto incauto”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Zona Rossa, la precisazione della Regione Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento