Bersani e l'incubo Salvini, Todisco: "Pd irpino è tra i più malati d’Italia"

L'ex presidente del Consiglio in tour elettorale in città insieme a Massimo Paolucci

L’ex presidente del Consiglio Pierluigi Bersani ritorna ad Avellino e fa una tiratina di orecchie al centrosinistra che si presenta alle elezioni amministrative in tre tronconi: “Sono troppi, ce ne vorrebbe uno  solo, ma che fosse convinto che bisogna tirare una riga su quanto successo in questi anni”.

Cerca di dare una spiegazione a ciò che avvenuto in città, Francesco Todisco: “Il Pd si è frammentato in maniera esasperata, perdendo quasi tutti i consiglieri uscenti, e svendendo il proprio simbolo. Il livello provinciale del partito ed il candidato a sindaco scelto da Via Tagliamento hanno scelto di farsi rappresentare da alcuni personaggi, problemi loro. Noi ci siamo tirati fuori per non essere fautori dell’ennesima divisione, visto che abbiamo lavorato per l’unità. Paradossalmente Articolo Uno si è trovata a difendere le posizioni di Nicola Zingaretti e Leo Annunziata al cospetto della Segreteria del Pd provinciale che, in maniera inconsulta, ha sbattuto la porta in faccia ai livelli regionali e nazionali”.

Mdp si tira fuori dalla contesa avellinese: “Nessuna indicazione di voto, ognuno agirà secondo coscienza” dice Todisco e convinto che si andrà al ballottaggio mette le mani avanti: “non faremo come chi l’altra volta disse né con il centrosinistra né con il M5S, tanto meno non ci comporteremo come Cipriano che, insieme al segretario della Lega, invitò a votare i 5 Stelle piuttosto che per il candidato sindaco di Centrosinistra. Faremo una scelta non dimenticando che Avellino è un pezzo del Paese. Il Pd irpino è tra i più malati d’Italia, noi ci muoveremo sapendo che siamo chiamati a rappresentare coloro che sono agli antipodi rispetto al governo della zuffa che va in onda a Roma”.

Il vero incubo di Bersani è Matteo Salvini e la Lega: “«E’ il Ministro dell’Interno che sta sdoganando di tutto. Perfino i fascisti ed i razzisti. Non dico che lui sia un fascista, ma sarebbe bene chiarisse cos’è. Fa tre comizi al giorno, un paio di comparsate televisive, non è mai in bottega. È un ministro degli esterni. Salvini governa con il Movimento 5Stelle ma, intanto, stringe alleanze con le forze di destra in altre parti del Paese. Alla lunga tutto questo non funzionerà, ma serve qualcosa di credibile che sappia contrapporsi. Il Pd lamenta qualche lentezza, ma se il problema è la Destra si diano una mossa tutti”. Sul Movimento 5 Stelle aggiunge: “Sono ingessai, attaccati alla Lega come la cozza allo scoglio, non saprebbero dove andare”.

Massimo Paolucci, candidato all’Europarlamento con la lista Pd-Siamo Europei-se: «Il voto al Pse è contro il fascismo ed il nazionalismo. Non dobbiamo giocare in difesa o essere presuntuosi rispetto alle ragioni dei cittadini. Senza Europa non si va da nessuna parte, da soli non ci si salva”.

Potrebbe interessarti

  • Ciro ha bisogno di sangue e piastrine, possiamo aiutarlo?

  • Miss Italia, Montella incorona la sua Miss: è Alessia Bruno

  • Niente festival pirotecnico a Mercogliano: la tradizione si spezza dopo 70 anni

  • Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Avellino, ecco i nomi dei candidati

I più letti della settimana

  • Le fiamme stanno avvolgendo un'abitazione

  • Tremendo schianto frontale, quattro feriti

  • Cosa fare nel wekeend dal 12 al 14 luglio in Irpinia: sagre, concerti e spettacoli

  • Inseguimento da film ma i malviventi riescono a scappare

  • Banda al funerale, ma il prete si arrabbia: momenti di tensione in chiesa

  • Scontro tra auto, tre feriti

Torna su
AvellinoToday è in caricamento