menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Elezioni Avellino, pronostico rispettato: Cipriano e Festa sconfiggono i carrozzoni

Il capoluogo irpino dovrà attendere il 9 giugno per conoscere il nuovo sindaco

I cittadini di Avellino torneranno alle urne il 9 giugno per scegliere il nuovo sindaco. A differenza della tornata appena passata, però, la partita non sarà più fra i "magnifici 7", ma sarà un duello a due. Protagonisti del match, come da previsione, due dei tre candidati del centrosinistra: l'uomo del PD, Luca Cipriano, e il volto della sinistra "civica", Gianluca Festa (ex vicesindaco).

Circa 4 i punti percentuali tra i due candidati che hanno letteralmente spazzato via la concorrenza. Stando ai risultati, infatti, si registra in primis un crollo del Movimento 5 Stelle che con Ferdinando Picariello (ex vicesindaco del decaduto Ciampi) ha raggiunto poco più del 12%. Tornata "anonima" per Massimo Passaro e lo "scontento" di sinistra Amalio Santoro; che raccolgono rispettivamente l'1,99% e il 7,38%.

RISULTATI AMMINISTRATIVE AVELLINO

Se Picariello e i suoi compagni governanti non ridono, a fargli buona compagnia ci pensa l'altra "espressione" dell'esecutivo: la leghista Biancamaria D'Agostino data, alla vigilia, come possibile sorpresa, ma alla fine costretta a portare a casa un misero 6,93%. Tra i candidati resta da guardare al risultato di Dino Preziosi, il frontman del centro destra, che raccoglie poco più del 10% dei consensi.

AMMINISTRATIVE, RISULTATI COMUNE PER COMUNE

Vero è che i due candidati, pronti a sfidarsi per il ballottaggio, nonostante la scissione, sono quelli che potevano contare su più liste rispetto agli altri (quattro a testa), ma il particolare che balza subito all'occhio è un altro: da Picariello, alla D'Agostino, passando per Preziosi, in molti hanno costruito un vero e proprio show in campagna elettorale, ospitando volti noti della politica nazionale (Salvini, Di Maio e alcuni dei suoi ministri, la Carfagna...). Una scelta che, a conti fatti, non ha pagato: gli avellinesi, evidentemente, in cerca di reale rinascita, sono stanchi dei carrozzoni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Scuola, medie e superiori in presenza: ecco quando

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento