rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
Politica Aiello del Sabato

Aiello del Sabato, Progetto Aiello: "Non si amministra col pallottoliere"

La nota del gruppo consiliare

"Pur non meravigliandoci più di tanto, avendo già avuto più volte modo di constatare un comportamento tra il medievale e il fanciullesco - l’amministrare col pallottoliere - non possiamo non esprimere il nostro profondo dispiacere per la modalità con la quale il nostro Sindaco ha ben pensato di presentare alla cittadinanza la nuova agente di polizia municipale. 

Oltre alla presentazione di una professionista da ora dipendente del nostro Comune per il solo nome di battesimo - manco fossimo a Topolinia, Paperopoli o al Comune di Bugliano- dimostrando una assoluta mancanza di professionalità, rispetto e garbo istituzionale, il Nostro ha ben pensato di condire il tutto con uno sfogo polemico contro il gruppo di minoranza consiliare Progetto Aiello, accusato di aver osteggiato questa assunzione, mettendo la questione quasi sul livello personale, presentandoci anche alla nuova dipendente comunale, in pratica, come “quelli che non ti volevano”. 

Immaginando e aspettando quale possa essere il suo prossimo passo - magari metterci la polizia contro tipo regime totalitario - vorremmo sommessamente far notare al nostro caro signor Sindaco che ha perso un’occasione per dimostrare un minimo di maturità: confondere il lato politico con quello personale e, ancor peggio, con quello lavorativo è da neofiti sia della politica che della vita in generale. 

Veniamo accusati di voler spendere ulteriori soldi pubblici per l’indizione di un concorso, quando più volte abbiamo suggerito che per farlo si sarebbe potuto risparmiare, ad esempio, su recenti promozioni di dipendenti comunali a responsabile di settore al limite dell’inopportunità (e non ci dilunghiamo oltre: la cittadinanza sà) 

La nostra incredibile colpa sarebbe quella di preferire che al posto di una selezione per mobilità da altro ente, ci fosse stata l’indizione di un concorso per il quale anche Mario, Giulia, Francesca e Nicola, disoccupati e senza lavoro, avrebbero potuto ambire ad avere un’occupazione. 

“Professione Sindaco” probabilmente porta a personalizzare un attimino troppo le istituzioni che si dovrebbero rappresentare per il bene comune e l’intera cittadinanza e invece si preferisce il “noi contro voi” di antica memoria che crea solo fratture nella comunità. 

Cogliamo l’occasione per rinnovare l’appello ai nostri colleghi di maggioranza per la diffusione in streaming dei consigli comunali -cosa che il Sindaco ci ha sempre negato!- così da dare una informazione trasparente ai cittadini e non dare adito a inutili polemiche e dichiarazioni di parte".

Progetto Aiello 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aiello del Sabato, Progetto Aiello: "Non si amministra col pallottoliere"

AvellinoToday è in caricamento