Guida

Bonus colonnine elettriche per privati e condomini: a chi spetta

Dai requisiti alla richiesta: ecco tutto quello che c'è da sapere

A partire da oggi, lunedì 8 luglio, è possibile richiedere il bonus destinato all’installazione di colonnine elettriche, un sostegno importante per incentivare la mobilità a emissioni zero. Il contributo riguarda gli acquisti e le installazioni effettuate dal 1° gennaio 2024 da persone fisiche residenti in Italia e da condomìni rappresentati dall’amministratore pro tempore o da un condomino delegato. Questa iniziativa, confermata per l’anno in corso attraverso un decreto del Ministero delle Imprese e del Made in Italy, mette a disposizione 20 milioni di euro per acquisti effettuati da privati e condomini nel periodo che va dal 1° gennaio al 31 dicembre 2024.

I contributi in conto capitale coprono l’80% del prezzo di acquisto e installazione delle infrastrutture per la ricarica (ad esempio colonnine o wall box). Il limite massimo del contributo è di 1.500 euro per gli utenti privati e di 8.000 euro in caso di installazione sulle parti comuni degli edifici condominiali. 

Chi può beneficiare del bonus colonnine elettriche

Il bonus è destinato agli utenti domestici, persone fisiche residenti in Italia, e ai condomini per le installazioni effettuate nelle parti comuni degli edifici. Non possono fare richiesta i titolari di ditta individuale o società. Il finanziamento comprende l’acquisto e l’installazione delle infrastrutture di ricarica e anche tutte le spese collaterali necessarie: impianti elettrici, le opere edili richieste, i dispositivi per il monitoraggio e le spese di progettazione. Inoltre, rientrano le spese per la connessione alla rete elettrica attraverso l’attivazione di un nuovo Pod.

Come presentare la domanda

La domanda potrà essere presentata online da oggi 8 luglio. Basta accedere alla nuova area personale tramite:

  • sistema pubblico di identità digitale (SPID);
  • carta d’identità elettronica (CIE);
  • carta nazionale dei servizi (CNS).

Si accede così alla scrivania personale dove si può scegliere l'incentivo sul quale presentare domanda. In caso di necessità si possono chiedere maggiori informazioni tramite il servizio "Parla con me". Una volta scelto il contributo colonnine domestiche, utilizzando l'apposito menu a discesa, non servirà altro che compilare la domanda in ogni sua parte. Il perfezionamento della procedura richiede il possesso di una posta elettronica certificata (PEC) attiva. La concessione del contributo, nel limite delle risorse finanziarie disponibili, avviene entro 90 giorni dal termine per la presentazione delle domande, attraverso un provvedimento cumulativo (comprensivo degli elenchi dei beneficiari ammessi alle agevolazioni).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bonus colonnine elettriche per privati e condomini: a chi spetta
AvellinoToday è in caricamento