menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Premio In/Arch a Marasma Studio per il progetto di riqualificazione Carmasciando

L'azienda vince per "i virtuosi connubi in equilibrio tra princìpi e necessità, raffinatamente intrisi di architettura e design di chiara matrice di scuola italiana"

Nonostante le limitazioni imposte dall’attuale emergenza sanitaria, i Premi In/Architettura 2020 continuano a fare il proprio corso e anche la Campania ha ufficializzato ieri i nomi dei propri vincitori regionali.

La giuria, composta da Roberta Vitale (presidente), imprenditrice in rappresentanza di Acen, Pasquale Belfiore, presidente onorario di Inarch Campania, Carlo De Luca, presidente di Inarch Campania, Bruno Discepolo, assessore regionale al Governo del Territorio, Fabio Donato, fotografo, Gianluca Peluffo, architetto, Luigi Prestinenza Puglisi, critico di architettura, Massimiliano Rendina, vice presidente di Inarch Campania e Davide Vargas, architetto, ha individuato, tra i 116 candidati, 12 opere particolarmente meritevoli, assegnando premi e menzioni.

Partendo dalle nuove costruzioni con maggiori dimensioni economiche, il premio è stato assegnato al Centro commerciale Le Cotoniere realizzato a Salerno su progetto dello studio ELT, mentre invece una menzione è andata all’Ospedale del Mare, dello studio IaN+. Sempre per gli interventi di nuova costruzione ma con una più contenuta dimensione economica, è stato premiato l’ampliamento del Cimitero di Pianura di Guendalina Salimei con +tstudio. Sono state inoltre assegnate due menzioni: alla Clinica Odontoiatrica Lamanna, una struttura sanitaria privata realizzata nel napoletano su progetto dello studio King Roselli architetti e ai Sentieri di natura di Giuseppe Iodice nel beneventano.

Nell’ambito degli interventi di rigenerazione urbana è stato riconosciuto il premio al Borgo Biologico di Cairano, uno dei comuni del terremoto del 1980, a cura di Angelo e Benedetta Verderosa. Una menzione è stata inoltre assegnata all’intervento dell’area Chiurazzi e Visconti, realizzato a Napoli dallo studio Insula. Nella riqualificazione edilizia il premio è stato riconosciuto all’azienda agricola Carmasciando realizzata in alta irpinia su progetto dello studio Marasma, con una menzione per casa Caporaso Pironti, realizzata a Benevento su progetto di Raffaele Iandolo. Infine la sezione dei giovani progettisti dove, più che nelle altre categorie, è più forte l’effetto della crisi. Qui la giuria ha assegnato il premio a un interno realizzato a Napoli su progetto di Nicola Liguori e una menzione per un allestimento commerciale a Salerno dello studio APT5. 

Dunque l'Irpinia conquista due importanti menzioni di merito. Che in un contesto difficile per l’architettura nel Mezzogiorno non è sicuramente poca cosa. Merito della lungimiranza di Angelo Nudo, titolare dell’azienda Carmasciando che ha investito sulla sostenibilità dimostrando come tradizione e innovazione possono sposarsi alla perfezione. Nudo non solo ha riportato in vita il formaggio Carmasciano balzato agli onori della cronaca nazionale e internazionale come uno dei formaggi più pregiati al mondo, ma ha scommesso sulla ambiente e su tecniche edilizie all'avanguardia rivolgendosi ai suoi amici, gli architetti Giuseppe Mascolo e Filomena Fusco. Insieme hanno pensato ad un habitat ideale per il benessere dell'animale e dell'uomo, una struttura raffinata, ma rustica ricavata da un vecchio rudere elevato, grazie ad un intervento di riqualificazione intelligente, ad un caseificio deluxe. 

"Il gesto chiaro dell'addizionare, coniugato alla volontà di tenere sempre in equilibrio perfetto la composizione e i differenti aggettivi che essa utilizza, rende complessa e assieme leggera la narrazione - scrive la giuria di Inarch - L'intransigente regia del giovane studio casertano cerca e trova tra i boschi e le colline alto irpine di contrada Carmasciano, giusta distanza da facili stilemi e vezzi autoriali, offrendo al fruitore scene di rara essenzialità ove contenitore e contenuto finiscono sempre col fondersi in virtuosi connubi in equilibrio tra princìpi e necessità, raffinatamente intrisi di architettura e design di chiara matrice di scuola italiana".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sono cinque le regioni che dal 10 maggio cambieranno colore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento