Stazione Fs di Avellino chiusa, Uil: "Senza servizi non si parte"

La nota del sindacato: "L’Italia e la Campania ripartono ma l’Irpinia resta ancora fuori da ogni prospettiva di ripresa, l’emergenza non ha detto nulla"

"Il Trasporto Pubblico riprende nel Paese e con tutti i limiti e le difficoltà, per carenza di materiali e personale, prova a dare un segnale di “normalità”, il Trasporto Aereo si avvia per attrarre turisti e relativa economia e riapre gli Aeroporti, i Collegamenti Marittimi nel golfo riportano i turisti nelle isole del golfo, il Trasporto Ferroviario ripristina servizi e ne disegna altri per la stagione estiva, per portare i turisti nel Cilento, ma ad Avellino la Stazione resta Chiusa". La Uil Avellino-Benevento non ci sta e, con una nota, si scaglia contro la mancata riapertura della stazione ferroviaria del capoluogo irpino.

Riaprire la stazione subito, non a settembre

Di seguito, riportiamo la nota della Uil:

La fase drammatica che attraversiamo ha detto a chiare lettere che le politiche dei tagli dei servizi sanitari e trasporti su tutti, sono i veri elementi che hanno determinato il dramma dell’isolamento di intere comunità esposte questa volta rischi sociosanitari, proprio per la mancanza di presidi di diritti come sanità e trasporti. La desertificazione di intere aree della provincia e determinata dalla impossibilità di muoversi e curarsi, oltre che di studiare, ed appare evidente che riportarci famiglie, giovani e turisti senza questi presidi essenziali, appare un esercizio dello spirito piuttosto che una prospettiva, annunciata e millantata per le aree interne, soprattutto in campagna elettorale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche vendere case ad 1 euro non funziona se non ci sono i “SERVIZI”. Quale è la logica secondo cui per l’estate si prepara l’offerta costiera e non quella delle aree interne? A quale logica risponde l’assegnazione delle risorse per eventi turistici, che penalizza ancora le aree interne? Perché non si capisce che senza trasporti il territorio è desinato all’isolamento totale, e alla chiusura? Se logica non esiste, allora c’è una visione sbagliata e becera secondo cui, la Stazione di Avellino non deve aprire, perché in Irpinia non ci deve venire nessuno, o meglio la politica i turisti li immagina da un’altra parte, in altre aree più “vicine” per la regione. Riaprire la Stazione subito, non a settembre, programmare l’estate in Irpinia significa dare una spinta alla riapertura anche in Irpinia, perché se restiamo fermi arretriamo e margini non ce ne sono, qui l’emergenza non è finita e ci sono chiari segnali di aggravamento altro che “normalità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scatta il nuovo Dpcm: ecco cosa si può fare dopo le 18.00

  • Mentre a Napoli monta la rivolta, Avellino si svuota alle 23.00

  • In Campania divieto di andare nelle seconde case, ma ok agli spostamenti regionali

  • Coronavirus in Irpinia, sono 93 i contagi di oggi: 12 soltanto ad Avellino

  • Carmela Faggiano è stata ritrovata

  • Coronavirus, pizzeria avellinese chiude in via precauzionale

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento