Depurazione in Irpinia, Fismic: "La madre di tutte le battaglie ambientaliste"

La nota

Immagine di repertorio

La strategia dell’Asi di privatizzare la depurazione industriale in Irpinia è un idea scellerata che mette a rischio l’ecosistema irpino ed apre le porte all’infiltrazione della camorra . Questa mattina presso la sede Provinciale della Fismic/ Confsal di Avellino si è tenuta una riunione straordinaria per lanciare l’allarme sociale e per coinvolgere nei prossimi giorni il Presidente della Provincia Domenico Biancardi per evirare la privatizzazione e consentire la piena gestione pubblica . Ci sono tempi stretti dichiara al termine della riunione il Segretario della Fismic/ Confsal Giuseppe Zaolino, i rischi e gli effetti devastanti della gara indetta dall’Asi si possono evitare convincendo il Presidente Biancardi a partecipare al bando pubblico perchè con l’investimento di 2,5 milioni di Euro può dare all’Ente Provincia un ruolo decisivo nelle politiche ambientali, interessandosi non solo di “RIFIUTI” ma anche di “DEPURAZIONE”. Se non dovessimo trovare ascolto nel Presidente Biancardi, conclude Zaolino passeremo al setaccio il mondo politico per verificare sul serio l’impegno ambientalista dei maggiori partiti e dei movimenti politici delle Sardine e dei 5 Stelle anche in vista della della prossima campagna elettorale di Maggio per le Regionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Quando morirò lasciami dove vuoi" e lei abbandona il cadavere per strada

  • Laurea con 110 e lode per Francesca Bellizzi, figlia di Mimmo

  • Terrore ad Avellino, donna inseguita da malvivente fino a casa

  • Bando di concorso all'Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati”

  • Vuoi lavorare in un birrificio? Serrocroce cerca personale

  • Drammatico schianto tra auto: sette feriti, due in codice rosso

Torna su
AvellinoToday è in caricamento