rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Green Aquilonia

Agriturismi Porte Aperte, presentata la cooperativa Irpinia d'Oriente

L'iniziativa intende promuovere il territorio dell’Alta Irpinia attraverso i prodotti agricoli e agroalimentari locali di qualità, identitari e specifici della zona di produzione

In occasione dell’evento “Agriturismi Porte Aperte … in Irpinia”, presso l’agriturismo “Agrivita” di Vito Luongo, ad Aquilonia, è stata presentata, nella giornata di domenica, 20 novembre, la società cooperativa agricola “Irpinia d’Oriente”.

La cooperativa, secondo quanto previsto nell’Atto Costitutivo e affermato dal suo V.Presidente , Toni Mesce, intende promuovere il territorio dell’Alta Irpinia attraverso i prodotti agricoli e agroalimentari locali di qualità, identitari e specifici della zona di produzione. Si tratta di un’iniziativa di forte impatto e, riteniamo, di sicuro successo, in quanto vuole essere un tentativo di rivitalizzazione di un territorio già fortemente provato da un costante spopolamento, offrendo un’alternativa socio-economica reale a coloro che intendono restare ed investire in esso. Tra gli obiettivi della Cooperativa anche la promozione di attività a carattere sociale.

Il presidente di Confagricoltura Avellino, Angelo Frattolillo, ha portato il saluto e l’incoraggiamento dell’Organizzazione provinciale all’importante iniziativa, che avrà in Confagricoltura un sicuro riferimento.

Alla presentazione è intervenuto anche il direttore del Museo Etnografico di Aquilonia Beniamino Tartaglia – MEdA, arch. Vincenzo Tenore, che ha rimarcato la stretta connessione tra la collezione demo etno antropologica custodita nel museo e la produzione enogastronomica oggi definita “di eccellenza”: proprio nel recupero della tradizione, nella sua reinterpretazione ci può essere, soprattutto nel comparto agro alimentare e gastronomico, la chiave di uno sviluppo locale sostenibile, credibile e concreto: base imprescindibile di qualsiasi discorso si voglia costruire attorno alla tanto attesa ricettività turistica del nostro territorio. Ha sottolineato anche l’importanza della cooperazione, non solo all’interno del comparto agroalimentare e gastronomico ma anche con altri soggetti apparentemente collaterali: quali le associazioni locali, la scuola, le strutture sanitarie, lo stesso museo: per ribadire che la domanda di prodotti sani e che bisogna attivare da subito è quella interna per poi affacciarsi, una volta consolidata la filiera, al confronto globale: è importante, ad esempio, che nella mensa scolastica ci siano più prodotti locali così come tra i “gadget” del bookshop del museo. Piccoli segni ma di grande importanza per avviare quella che speriamo sia una ulteriore opportunità per il futuro della nostra comunità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Agriturismi Porte Aperte, presentata la cooperativa Irpinia d'Oriente

AvellinoToday è in caricamento