Tutto pronto per la secolare rappresentazione del “Volo dell’angelo”

È tutto pronto per il “Volo dell’angelo”, la secolare rappresentazione che, ogni ultima domenica di agosto, mette in scena la lotta tra il bene e il male, tra la figura divina e il diavolo tentatore

È tutto pronto per il “Volo dell’angelo”, la secolare rappresentazione che, ogni ultima domenica di agosto, mette in scena la lotta tra il bene e il male, tra la figura divina e il diavolo tentatore. Nell’ambito degli festeggiamenti in onore di San Vincenzo Ferreri, ogni anno, verso le 12.30, l’angelo, interpretato da un bambino e sospeso a una fune tesa tra il campanile della Chiesa del S.S. Rosario e il castello, ingaggia una feroce disputa dialettica con la figura infernale. A poche ore dalla nuova, emozionante rappresentazione sacra i cui testi richiamano il “Paradiso perduto” di John Milton del 1667, cresce l’attesa per il nuovo interprete del diavolo. Dopo la sorprendente e rivoluzionaria messa in scena da parte di Katia Solomita degli scorsi due anni - la prima donna a interpretare il diavolo - si attende di conoscere il volto dell’antagonista dell’angelo di questa edizione. Apparirà, questo è certo, in un rinnovato look, in un abito cucito da Tecla Solomita. L’unica cosa a non cambiare negli anni è lo schema narrativo. Dopo il dialogo, che si protrae per una ventina di minuti, il diavolo esce sconfitto ritraendosi negli abissi, il bene trionfa e l’angelo può continuare la sua corsa verso il campanile, terminando quel volo lungo 150 metri complessivamente, a un’altezza che nel punto più alto sfiora i 25 metri. La sera, verso le 21, dopo la processione, l’angelo percorrerà il percorso al contrario, dal campanile al castello. È l’apoteosi dell’emozione, con la benedizione dei cittadini e degli emigranti affidata al Santo taumaturgo, ben rappresentato da una statua in legno policromo del Settecento. La festa in onore di San Vincenzo Ferreri e il volo dell’angelo non sono, tuttavia, coevi. La prima nacque probabilmente nel 1822, il secondo tra il 1833, anno in cui si costituì il primo comitato festa, e il 1876, quando si spezzò la fune, allora di canapa, e il bambino cadde sugli alberi sottostanti, salvandosi. Il primo documento che cita la disputa teatrale tra l’angelo e il diavolo risale al 21 agosto 1841.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il programma civile, quest’anno, prevede, per la serata del 24 agosto, in piazza Umberto I, il concerto bandistico lirico/sinfonico “Città di Gravina in Puglia”. Domenica sera Nello Daniele si esibirà in un concerto omaggio a Pino Daniele. A seguire l’intrattenimento musicale a cura del rapper partenopeo Lucariello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus: è gravissimo al "Moscati"

  • Coronavirus in Irpinia: 10 nuovi casi nelle ultime 72 ore, riapre la Palazzina Alpi al Moscati

  • Carmen, 14 anni, è scomparsa da Avellino: aiutateci a trovarla

  • Salgono i casi di Covid a Santa Lucia di Serino, uno anche a San Michele

  • Coronavirus in Irpinia, l'Asl conferma tutti i casi positivi del serinese

  • Neonato morto a poche ore dalla nascita: denunciati medici del Moscati

Torna su
AvellinoToday è in caricamento