Weekend a teatro con la Governante di Vitaliano Brancati

  • Dove
    Teatro d'Europa
    Indirizzo non disponibile
    Cesinali
  • Quando
    Dal 03/03/2018 al 04/03/2018
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Continua con successo la Stagione Teatrale al Teatro d’Europa “Un teatro per tutti”. Sabato 03 marzo alle ore 20.30 e domenica 04 marzo alle ore 19.30 La Compagnia dell’Eclissi presenta LA GOVERNANTE di Vitaliano Brancati con Marianna Esposito, Enzo Tota, Marco De Simone, Marica De Vita, Mario De Caro, Felice Avella, Annalaura Mauriello, Giorgia Casciello, Regia Marcello Andria. A prescindere dall’alone di trasgressione che la accompagna per le note vicende legate alla censura, La governante è un testo eretico e atipico del Novecento italiano. Innanzitutto nella conduzione: quella che appare, all’apertura del sipario, come una commedia di costume, dai tratti graffianti e quasi grotteschi, imprevedibilmente, e quasi precipitosamente, trascende in dramma. Il dialogo intriso di beffarda ironia che domina per due terzi dell’azione si rovescia d’improvviso, rivelando il fondo cupo e tormentato dei personaggi che lo animano.

L’umore tragicomico della commedia, come qualcuno ha rilevato, lascia intravedere in controluce il “tentativo, disperato e sgambettante, di uscire dall’inferno”. Per Brancati, che mostra una peculiare sensibilità per la condizione di coscienza, poco contano gli intellettualismi a riguardo; il richiamo – che sia all’inconscio (della psicanalisi o della letteratura) oppure alle origini antropologiche o sociali – non è sufficiente a liberarsi dal senso di colpa e di inadeguatezza, a sottrarsi alle responsabilità personali. E ciò si riflette, in effetti, in tutti i personaggi della pièce, in particolare in Caterina Leher, vera e propria invenzione teatrale. Opponendosi, con la sua cultura calvinista tutta d’un pezzo, alla tolleranza, agli alibi, alle giustificazioni, la governante francese per un verso rappresenta l’antitesi della morale cattolica, conciliante, confusionaria e incline al compromesso.

Per l’altro appare ambigua, contorta, contraddittoria, sprofondando nel peccato con ribrezzo ma non senza piacere. Il rimorso, che è la linfa vitale dell’intera sua esistenza, acuisce e rende più intenso e morboso il desiderio erotico. Non la calunnia, però. Il senso di colpa per avere provocato la morte di una innocente non ha a che fare con la sfera del piacere, ma con quella della morale. Ed è lì che soccombe; si uccide, in fondo, per rimanere fedele alla propria integrità. Oltre alle guizzanti aperture sulla società italiana – sulla ‘doppia morale’, sul ruolo della politica e degli intellettuali, sull’ipocrisia dei rapporti familiari e sociali – che a distanza di mezzo secolo si rivelano lucide e attuali, quello che ancora colpisce nel testo di Brancati è la descrizione – lieve nei toni, ma penetrante nella materia – dell’interiorità dei personaggi; della non-accettazione di se stessi; del conflitto che oppone l’istinto dettato dalla natura all’etica indotta dalla formazione culturale; della scissione – in sintesi – fra ciò che si è e ciò che si vorrebbe e riterrebbe giusto essere.

Tutti aspirano a diventare migliori e a mettersi in pari con la realtà che li circonda, tutti sono sottilmente insidiati da un pessimismo profondo, insormontabile, tradotto ora in accidia, ora in vitalismo (vedi il gallismo dei personaggi maschili); tutti riparano, con scarso successo, dietro gli sghembi paraventi che simbolicamente segnano il perimetro dell’azione, offrendo intricate e asimmetriche vie d’uscita. Caterina e Leopoldo in primis, naturalmente: la prima dilaniata dal conflitto mal represso fra la natura anomala delle sue pulsioni e la sua formazione morale, l’altro dal rimorso – più esplicito e dichiarato, questo, mai messo a tacere – di aver causato anni addietro la morte di una figlia per gli ancestrali pregiudizi connaturati alla sua sicilianità. Scritta nel 1952, La governante irruppe con un forte impatto nell’Italia perbenista e bigotta di quegli anni. La cronaca vuole che sia stato Giulio Andreotti, allora sottosegretario con delega allo spettacolo, a sancirne l’interdizione dai palcoscenici italiani.

Scomparso prematuramente l’autore nel 1954, la pièce debuttò a Parigi solo nel 1963 (grazie alle pressioni esercitate da Luchino Visconti); di poco successiva la prima, storica messinscena italiana (22 gennaio 1965) diretta da Giuseppe Patroni Griffi con Anna Proclemer, moglie di Brancati, nel ruolo di Caterina Leher e Gianrico Tedeschi in quello di Leopoldo Platania. Ha conosciuto in seguito molti altri rilevanti allestimenti, fra cui quelli con Carla Gravina e Turi Ferro (Squarzina, 1984), con Andrea Jonasson e Pippo Pattavina (Pagliaro, 2003), con Giovanna Di Rauso e ancora Pattavina (Scaparro, 2012).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

I più visti

  • #arivederlastoria: l'iniziativa social di "Dante per tutti" che parte dall'Irpinia

    • Gratis
    • dal 1 febbraio al 1 settembre 2021
    • #arivederlastoria
  • FAI Avellino: ecco le iniziative del mese di maggio 2021

    • dal 5 al 28 maggio 2021
  • Ripartono le escursioni di "Irpinia Trekking"

    • dal 9 al 10 maggio 2021
  • La Neve di Maggio, escursione domenicale sul Monte Cervialto

    • 9 maggio 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    AvellinoToday è in caricamento