Pratola Sera nel mondo, premio ai ricercatori De Palma e Fontana

L'appuntamento è per domenica 6 gennaio

PRATOLA SERRA - Si terrà domenica 6 gennaio 2019 alle ore 18:00, presso l'Aula Consiliare "Dott. Antonio Aufiero", la cerimonia di assegnazione del “Premio Pratola Serra nel Mondo”. Giunto alla sua XII edizione, il premio è stato assegnato quest’anno al dott. Raffaele De Palma e al dott. Angelo Fontana, ricercatori. La cerimonia di premiazione rientra nell'ambito del cartellone natalizio "Da Natale alla Befana", organizzato dall’Amministrazione Comunale in collaborazione con le associazioni del territorio, e sarà trasmessa in diretta streaming web sul sito comunale. Il “Premio Pratola Serra nel Mondo”, appuntamento fisso del periodo natalizio, è stato approvato con deliberazione di Consiglio Comunale del 27 settembre 2007 con l'allora Sindaco Antonio Aufiero e viene assegnato annualmente ad un cittadino di Pratola Serra che si è particolarmente distinto nel campo della cultura, della narrativa, della poesia, della ricerca, dello sport e della medicina e la cui attività si è segnalata all'estero e sul territorio nazionale per impegno e continuità ad alto livello qualitativo. L'istituzione di tale premio intende favorire l'educazione e la formazione socio-culturale della comunità comunale, nella convinzione che le componenti politiche possano costituire fonte di comprensione e indispensabile riferimento per la promozione della cultura pratolana nel mondo, a corredo delle vivacità culturali e delle fertilità artistiche. Con deliberazione  n. 165 del 30/11/2018, la Giunta Comunale ha acquisito la proposta della Consulta Comunale per le Iniziative Culturali che ha individuato i due ricercatori quali personaggi pratolani meritevoli dell'assegnazione del premio: il dott. Raffaele De Palma, docente di Immunologia Clinica e Allergologia all’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli”; il dott. Angelo Fontana dell’Istituto di Chimica Biomolecolare del CNR di Napoli. Ricchissimo il loro curriculum, che li vede impegnati in ricerche scientifiche di livello e premiati in diversi Paesi del Mondo. La loro ultima sfida è stata denominata “Sulfavant”,  ultima frontiera della scienza nella lotta contro il tumore. La coppia di studiosi ha coordinato un team di ricercatori che ha messo a punto un vaccino derivato da prodotti naturali estratti da piante e alghe capaci di stimolare il sistema immunitario a controllare la proliferazione di cellule cancerogene e agenti patogeni, al fine di contrastare il melanoma, uno dei più diffusi e aggressivi tumori della pelle. Il prossimo obiettivo della coppia di professori irpini è la validazione dell’attività in altri modelli sempre sperimentali, compresi quelli infettivi, e l’identificazione del bersaglio cellulare che, stimolato dal Sulfavat, determina l’attivazione delle cellule denditriche, cioè ramificate.
“Eccellenze irpine, ma soprattutto pratolane, che rappresentano motivo di orgoglio per tutti i cittadini”, commenta il Sindaco di Pratola Serra, Emanuele Aufiero. “E' un ulteriore segno che i talenti brillanti ci sono anche in Italia e che anche nel nostro Paese si deve fare ricerca. Competenze, unite ad impegno, dedizione, spirito di sacrificio, responsabilità, ottimismo, ma soprattutto passione, sono gli ingredienti che portano ad ottimi risultati”.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Positivo al Coronavirus: è gravissimo al "Moscati"

  • Coronavirus in Irpinia: 10 nuovi casi nelle ultime 72 ore, riapre la Palazzina Alpi al Moscati

  • Carmen, 14 anni, è scomparsa da Avellino: aiutateci a trovarla

  • Dramma in Irpinia, il comandante dei carabinieri è stato trovato senza vita

  • Salgono i casi di Covid a Santa Lucia di Serino, uno anche a San Michele

  • Coronavirus in Irpinia, l'Asl conferma tutti i casi positivi del serinese

Torna su
AvellinoToday è in caricamento