Musica e street food, sul bus dei Santi gli Emian Pagan Folk

  • Dove
    I santi braceria
    Indirizzo non disponibile
    Mercogliano
  • Quando
    Dal 04/07/2020 al 04/07/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Ritornano i concerti a bordo del food truck dei Santi. Sabato 4 luglio toccherà agli Emian, il gruppo nato dall'incontro dei musicisti Emilio ed Anna sarà protagonista di una serata scoppiettante, ormai divenuta un appuntamento fisso per tutti i mercoglianesi. 

Come sempre sul terrazzo del bus si canta e suona, mentre al piano di sotto si frigge e si mangia in compagnia delle stuzzicanti proposte di Federico Grieco. Arancine, panelle, cuoppi fritti e l'imperdibile cannolo siciliano. 

Biografia Emian

La storia degli EMIAN ha inizio nel 2011, dall’ incontro dei due fondatori Emilio ed Anna (dai cui nomi nasce quello del progetto). L’incontro inaspettato avviene presso CasaCuma, una comune di artisti dell’ hinterland napoletano dove Anna all’ epoca viveva, e si innamorano.

Un amore che li farà incontrare anche nella comune passione verso le sonorità musicali del folk Nord Europeo, delle aree celtiche e delle culture pagane. 

Per una serie di circostanze venutesi a creare successivamente, il 21 Dicembre è la data da loro scelta per la nascita del progetto.

Nel 2013, incontrano Danilo Lupi, decidendo così di ampliare la formazione. 

Il 2014, è l’anno in cui entra a far parte del progetto Martino D’Amico.

In questi lunghi anni di attività musicale su territorio Nazionale ed Internazionale, gli Emian hanno collezionato una gran mole di concerti ottenendo anche due importanti riconoscimenti: 

nel 2013 vincono il premio "Miglior Artista Accreditato" della XXVI edizione del Ferrara Buskers Festival, 

nel 2015 vincono la prima edizione dell’ European Celtic Contest, tenutosi durante il Montelago Celtic Festival.

Nel novembre del 2019, a due mesi di distanza dalla pubblicazione di Egeria (terzo album degli Emian) Danilo e Martino lasciano il progetto.

Quando Emilio ed Anna dato vita ad Emian, immaginano il progetto come un luogo ideale ed utopico dove musicalmente tutto può accadere.

La loro filosofia è: che si sia in due, in quattro o in cinquanta, l’importante è portare avanti un sogno in cui credere fortemente.

"La nostra musica, come detto e ripetuto, NON E’ MEDIEVALE E NEMMENO CELTICA, ma da essa prende ispirazione. 

Ponendosi come punto di rottura nell’ ambito filologico, abbraccia linguaggi musicali di diverse etnie e culture, con uno sguardo prediletto al bacino del Mediterraneo e al Paganesimo Europeo, divenendo punto di incontro per un’epoca che molti storici non definiscono più “buia”.

Basti pensare a mecenati, come Federico II di Svevia (1194 - 1250), che hanno accolto nelle proprie corti artisti e musicisti di varia provenienza culturale, dando così un forte segnale di aggregazione volto ad unificare terre e popoli.O in semi acustico o su un palco, la nostra musica ben si sposerà anche con l’ambito rievocativo!"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Da Spider-Man a Star Wars, la quarta tappa di Comicon Extra al Carcere Borbonico

    • dal 16 ottobre al 28 novembre 2020
    • Carcere Borbonico
  • Da Avellino a Luogosano fino a Taurasi: in partenza il treno dell'olio

    • 8 novembre 2020
  • La Bottega della Speranza, un progetto per i bambini nel nome di Gianni Rodari

    • dal 10 ottobre al 14 novembre 2020
  • In diretta da Montefalcione un 'Viaggio nel mondo del vino'

    • solo domani
    • 30 ottobre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    AvellinoToday è in caricamento