rotate-mobile
Mostre Sturno

I "Pesci di montagna" di Luca Pugliese in una nuova installazione en plein air

La mostra sarà fruibile per tutta l'estate

Dalla metà di giugno e per tutto il periodo estivo,
in località Fontana Tetta, sita al confine tra i 
comuni di Frigento e Sturno, è possibile 
ammirare l’installazione en plein air di Luca 
Pugliese dal titolo Ritorno alla vita: grosse
sagome di pesci, tratte dal noto ciclo pittorico
dell’artista irpino Pesci di Montagna, che 
ondeggiano tra le chiome di alberi secolari
disegnando un’atmosfera fiabesca che evoca il
lontano tempo delle origini e l’incontro con i 
primi antenati della specie umana.
Lo scenario è di grande suggestione. Siamo ai piedi del vallone che dalla montagna 
di Frigento, con un dislivello di circa 300 metri, scende fino a Sturno. Il sito ospita 
una storica fontana, meta di lavandaie nei tempi che furono, poi a lungo lasciata 
all’incuria e infine, nel 2012, rimessa a nuovo e restituita alla collettività come meta 
urbana dall’allora sindaco Aurelio Cangero. Al di sopra di essa, nel verde intenso
che le fa da cornice, Luca Pugliese fa volare i suoi sorridenti pesci. Durante le ore 
notturne il bosco si illumina di un blu intenso e, per un particolare effetto ottico
prodotto dalle luci artificiali, sembra 
tramutarsi in un gigantesco scoglio 
attorno al quale una piccola comunità di
pesci si raduna per svolgere la sua vita di 
sempre. Su questa cornice di armonia e 
serenità aleggia un messaggio 
rassicurante. Ciò che i nostri muti antenati 
sembrano suggerirci, a più di un anno 
dall’inizio della pandemia, è che la vita e 
la socialità stanno finalmente per 
riprendere il loro naturale corso. 
L’auspicio di una ritrovata armonia è il filo rosso che unisce l’installazione di 
Fontana Tetta alle precedenti istallazioni tratte dai Pesci di montagna già allestite 
da Luca Pugliese in altri pregevolissimi luoghi: dalla Villa comunale di Napoli
(2018) al bosco di Gavitoni (Lioni 2018), dalla marina piccola di Vieste (2019) al 
giardino del castello di Baia (2020). 
L’installazione è stata inaugurata domenica 27 giugno alla presenza del sindaco 
di Sturno Vito di Leo, del sindaco di Frigento Carmine Ciullo e del sindaco di 
Castel Baronia Felice Martone, titolari del progetto “Il Solco di San Michele”, 
nell’ambito del quale l’installazione di Luca Pugliese è stata realizzata. In tale 
occasione l’artista ha voluto dedicare ufficialmente la sua opera al compianto sindaco di Sturno Aurelio Cangero, il quale, facendosi interprete del profondo 

legame affettivo che da sempre lega la comunità sturnese a località Fontana Tetta, 
fece realizzare il restauro della fontana e i lavori di riqualificazione dell’intero sito.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I "Pesci di montagna" di Luca Pugliese in una nuova installazione en plein air

AvellinoToday è in caricamento