L'Arcangelo guerriero tra vecchi e nuovi demoni, la Mostra Arcangelo Sturno

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
    Sturno
  • Quando
    Dal 25/09/2020 al 08/10/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Dal 25 settembre all’8 novembre a Sturno, negli spazi espositivi della Sala Jovanna, posta nel complesso architettonico dell’Abbazia di San Michele Arcangelo, sarà ospitata la mostra “San Michele l’Arcangelo guerriero tra vecchi e nuovi demoni”, curata dal già dirigente scolastico Francesco Caloia e sostenuta dall’Amministrazione comunale. L’apertura della mostra sarà preceduta da un convegno di presentazione che si terra il 25 settembre alle ore 19 nella chiesa di San Michele Arcangelo in Sturno. La mostra è una Collettiva che intende porsi come atto iniziale di un ciclo di più ampio respiro, teso a rileggere le identità territoriale attraverso forme di contaminazione creativa; è un progetto espositivo che nasce dalla volontà di operare una riappropriazione di un patrimonio antico, fatto di simboli, miti e segni, affinché esso sia il fermento creativo per una nuova stagione di crescita artistico culturale.Il tema proposto dal curatore agli artisti non va semplicisticamente interpretato come tentativo di operare una rilettura in chiave contemporanea di un’iconografia antica, si tratta, piuttosto, di un invito ad avviare una propria riflessione “estetica” sul complesso sistema di valori simbolici, culturali, spirituali insiti nella figura dell’Arcangelo Michele. Il culto micaelico è indubbiamente uno tra i tratti culturali più antichi e radicati nei territori appenninici, svolgendo da sempre il ruolo di un possente fattore unificante ed identitario, ed è proprio in questa dimensione “identitaria” che va colta l’idea forza della mostra, che sostanzialmente vuole essere un momento di riflessione sul rapporto tra luoghi e comunità. Un tema forte, questo, oggi sempre più dibattuto dal punto di vista storico-filosofico e antropologico. I luoghi, comunque li si voglia intendere, attivano indubbiamente, nelle comunità che a essi fanno capo, processi identitari, dinamiche relazionali, effetti sociali e anche economici: pertanto andrebbero investiti della massima attenzione in prospettiva sociale, culturale e civile. Dalle parole del curatore “da sempre la mia ricerca ha trovato linfa vitale nella rilettura, in chiave contemporanea, delle immagini e dei simboli di quelle che io chiamo le due anime meridiane, la cultura classica e la cultura cattolica, di cui è intriso tutto il mediterraneo e che nei territori del Mezzogiorno trova una sua originalissima connotazione. La ragione di questo mio progetto espositivo, che mi vede nella doppia veste di curatore e artista, nasce dalla mia visione sociale dell’arte, dalla mia riflessione sul ruolo degli artisti nella società contemporanea, dal tentativo, per me mai vano, di indicare una strada orientata verso una costruzione di un tessuto sociale, dove l’arte trovi il posto che ha sempre avuto nei momenti più alti della storia umana, vale a dire il ruolo di testimone e guida dei processi di crescita e di sviluppo. Ho voluto condividere questo progetto con gli artisti che il mio percorso di vita e di lavoro mi ha fatto incontrare, artisti che amano l’arte, che sono pronti a sacrificare qualcosa per essa, che credono che la propria azione creativa possa e debba tendere all’educazione artistica della collettività. L’obiettivo della mostra è anche quello di ampliare l’offerta culturale dei nostri territori, far lavorare artisti del territorio alla rielaborazione di forme arcaiche ma sempre cariche di valori simbolici di cui il la società contemporanea ha quanto mai bisogno; ho invitato gli artsti a trattare il tema secondo la propria visione e il proprio sentimento personale, anche operando sul confine fra figurazione e visione informale o “concreta “ per far prendere corpo al mistero del sacro, aprendo nuovi sguardi sulla realtà in un mondo di cose che non si escludono ma che si devono integrare”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

I più visti

  • Da Spider-Man a Star Wars, la quarta tappa di Comicon Extra al Carcere Borbonico

    • dal 16 ottobre al 28 novembre 2020
    • Carcere Borbonico
  • Al via i laboratori teatrali a Casino del Principe

    • fino a domani
    • dal 6 al 27 ottobre 2020
    • Circolo Avionica - Casina del Principe
  • Da Avellino a Luogosano fino a Taurasi: in partenza il treno dell'olio

    • 8 novembre 2020
  • La Bottega della Speranza, un progetto per i bambini nel nome di Gianni Rodari

    • dal 10 ottobre al 14 novembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    AvellinoToday è in caricamento