Mostra "Add&Subtract" Istantaneo dualismo: appuntamento all'AXRT Contemporary Gallery

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 26/09/2019 al 26/10/2019
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Dal  26  SETTEMBRE  al  26  OTTOBRE  2019,  la  Mostra  bipersonale  degli  artisti  Cristina  Gori  e Alessandro  Cardinale, curata  da  Stefano Forgione.

Vernissage 26 settembre  ore  18:30  in  via  Mancini  19  Avellino.

Screenshot_2019-09-18_190258-2

Nella  bipersonale  “Add&Subtract”  Alessandro  e  Cristina,  compagni  anche  nella  vita,  Cristina  raffinata fotografa  e  performer  e  Alessandro  eclettico  artista  capace  di  disegnare  “il  vuoto”,  presenteranno i  loro ultimi  lavori. "Nell’opera  di  Alessandro  Cardinale  graffiando  con  una punta  metallica  la  superficie  di  un  plexiglass trasparente,  l’artista  ricrea  quelle  che  possono  essere  definite  gigantesche  diapositive.  Partendo  da  una superficie  completamente  dipinta di  smalto  nero  va  ad  incrociare  migliaia  di  graffi  che  in  partenza  sono un  groviglio  indistinto  e  solo  dopo  una  lunga lavorazione prendono  forma. La  luce  attraversa  la  lastra  tramite  questa  intricata  trama  di  filamenti  che  letti  nell’insieme  costituiscon immagini  di  appunti  personali. In  un’epoca  digitale  in  cui  le  immagini  si  creano  e  si  modificano  sempre  più  rapidamente  l’artista recupera  la  lentezza  intesa  come  concentrazione ed  equilibrio,  cercando di  fissarla  in  una  lastra andando a  togliere  il  mate riale  in  eccesso  come  si  fa  per  la  scultura  ed  andando  a  dilatare  nel  tempo quella  che  inizialmente  era  solo  un’istantanea".  Nei  suoi  lavori si  apprezza  la  capacità,  la  perizia,  la  sensibilità  e  la  modernità  di  un  gesto  antico,  come la  scultura,  nel  la vorare  delicatamente  una  materia  plastica.  Nell’osservare  le  sue  opere  si  resta affascinati  da  più  fattori,  uno  su  tutti  la  luce  che  permette  all’opera  di  esistere.  La  sua  capacità  manuale nell’adoperare  uno  spillo  con  cui  sottrae  la  materia,  gioca  continu amente  con  il  restituire  all’osservatore un’immagine  nitida,  quasi  fotografica,  pur  essendo  la  stessa  frutto  di  una  parsimoniosa  e  unica  tecnica manuale. Non  a  caso,  l’utilizzo  del  nero  come  fondo  su  cui  sottrarre,  potrebbe  rappresentare  un  punto  di  parten za “buio”,  ma  la  creatività,  la  tecnica  e  la  genialità  permettono alla  stessa  opera,  che  come  già  detto  vive  di luce,  di  restituire  un’immagine  che  si  basa  sulla  trasparenza. Il  legame  con  Cristina  Gori si basa  su  due  fattori principali,  uno di  carattere  c ulturale,  l’altro  di  carattere tecnico. Infatti  Cristina,  nel  progetto  fotografico  HELIX,  parte  dal  concetto  di  simbiosi  e  legame  con  la  Natura che  sta  alla  base  della  sua  ricerca  artistica. Le  opere  esposte  in  legno  o  in  co tone,  nelle  quali  si  apprezzerà  sicuramente  l’indubbia  capacità dell’artista  di  scolpire  “il  vuoto”  e  far  vivere  l’opera  con  giochi  prospettici  che  restituiscono  l’immagine soltanto  da  determinate  angolazioni,  trasmettono un  messaggio  criptato  che  sarà  dec allontanandosi  dalla  scultura,  esattamente  come  il  gesto  delle  donne  cinesi.

Ingresso  gratuito.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • #arivederlastoria: l'iniziativa social di "Dante per tutti" che parte dall'Irpinia

    • Gratis
    • dal 1 febbraio al 1 settembre 2021
    • #arivederlastoria
  • Giuseppe Camuncoli, da Spiderman a Star Wars: prorogata l’esposizione al Carcere Borbonico

    • dal 1 febbraio al 24 aprile 2021
    • Ex carcere Borbonico
  • Tutti per la parità, la Provincia di Avellino celebra l'8 marzo con un evento in streaming

    • 8 marzo 2021
  • Donne e scienza, raccontare il futuro attraverso le passioni del presente

    • 8 marzo 2021
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    AvellinoToday è in caricamento