rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Eventi Montefusco

A Montefusco "I Luoghi del Grano": un anno di autoproduzione di comunità

Stasera l’evento conclusivo del progetto delle associazioni “Ecopotea” e “Al centro dei ragazzi”

Si terrà stasera presso il comune di Montefusco l’evento conclusivo del progetto “I Luoghi del Grano” promosso dalle associazioni irpine “Ecopotea” e “Al centro dei ragazzi” e finanziato dalla Regione Campania con risorse statali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Il progetto ha tracciato una strada di economia circolare e solidale nell’entroterra campano

Un anno di grani e tulipani, produzioni rurali e corali, pasti e impasti comuni. Il progetto “I Luoghi del Grano”, promosso dalle associazioni irpine “Ecopotea” e “Al centro dei ragazzi”, ha solcato i campi del Medio Calore e ha tracciato una strada percorribile di socialità solidale ed economia circolare. Agricoltura naturale, condivisione e inclusione: questi i 3 punti salienti dell’iniziativa finanziata dalla Regione Campania con risorse statali del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali.

Oggi pomeriggio, presso il Comune del suggestivo borgo di Montefusco (AV), sarà il momento del bilancio finale del progetto. La parola passerà agli agricoltori coinvolti, ai protagonisti dell’associazione “Al centro dei ragazzi” e alle immagini: scatti e suggestioni da un anno di autoproduzione di comunità, condivisione fisica e ideale. Il modello è semplice e replicabile: le famiglie che vogliono partecipare acquistano una quota del prodotto prima della semina, assumendosi così la responsabilità della resa annuale. Le stesse famiglie partecipano alle attività agricole necessarie, come la “scellecatura” (diserbo manuale), ottenendo prodotti naturali e campagne senza veleni. Nelle maglie di quest’economia alternativa, equa e circolare, persone svantaggiate, escluse dal mondo del lavoro da sistemi di produzione iniqui, insostenibili e antisociali, trovano soddisfazioni e spazi altrove negati, testimoniando la possibilità di una felicità diffusa che non è poi così irraggiungibile. 

«Fino a 4 anni fa – spiegano gli attivisti di “Ecopotea” – era molto difficile trovare agricoltori che credessero nel progetto e mettessero a disposizione terre e competenze. Dopo aver constatato le possibilità di quest’agricoltura alternativa, nuova e per tanti versi vecchia, tanti piccoli e medi produttori chiedono di collaborare con il progetto di comunità, producendo direttamente per le famiglie, saltando intermediari e grande distribuzione». Tra fiori nel grano e interviste in trattore, i semi stanno germogliando e si attende, come sempre, la primavera.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

A Montefusco "I Luoghi del Grano": un anno di autoproduzione di comunità

AvellinoToday è in caricamento