Mercoledì, 4 Agosto 2021
Cultura

Tredici storie nomadi per raccontare l'Irpinia

L’editore Natan di Benevento ha scelto la tipografia gestita dalla cooperativa sociale Il Germoglio che impiega detenuti del  carcere di Sant’Angelo dei Lombardi

Cosa accomuna tredici autori all’Irpinia? Emilia Cirillo, Antonietta Carrabs, Maria Rosaria del Guercio, Francesco di Sibio, Giannino Di Stasio, Bruno Guerriero, Giandonato Giordano, Silvana Lattanzio, Tancredi Lisena, Oscar Magi, Angelo siciliano, Maria Ivana Tanga, Michele Vespasiano con i propri racconti hanno siglato un vero e proprio atto d’amore per la loro terra. Il libro però non solo si sofferma su tredici luoghi magici della verde Irpinia, non a caso il titolo del libro “E’ verde il Paradiso” ma ha anche uno sfondo del tutto sociale. L’editore Natan di Benevento ha scelto la tipografia gestita dalla cooperativa sociale Il Germoglio che impiega detenuti del  carcere di Sant’Angelo dei Lombardi.

Il libro è un’antologia di racconti curata da Michele Vespasiano e Giandonato Giordano, un viaggio narrativo, tredici storie nomadi che narrano di una terra epica e malinconica, luogo dell’incanto ma anche del disincanto, di sofferte partenze e di struggenti ritorni. La postfazione di Franco Dragone è la ciliegina sulla torta.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tredici storie nomadi per raccontare l'Irpinia

AvellinoToday è in caricamento