Meri Manganiello di Ariano vince premio della critica a Firenze

Fase conclusiva del concorso per talenti emergenti “L’Italia che vorrei”, indetto dalla casa editrice fiorentina Marino Editore

 Si è svolta nel pomeriggio di sabato 09 giugno, presso l’Auditorium de “La Nazione” a Firenze, la fase conclusiva del concorso per talenti emergenti “L’Italia che vorrei”, indetto dalla casa editrice fiorentina Marino Editore, con la premiazione dei ragazzi che hanno partecipato a questa prima edizione. Presenti in sala gli editori Antonino Marino e Rodolfo Politi e la redazione composta da Marisa Larosa, Katia Germanò e Roberta Benincasa; Thomas Pistoia, Dimitri Lioi e Patrizia Salvatore, tre dei dodici componenti della commissione giudicatrice; e tre dei primi classificati di tutte e due le categorie, Meri Manganiello, vincitrice del Premio della critica, Emanuela Francini, 2° posto Premio Social, Marco Terrana, 3° classificato in tutte e due le categorie. L’evento è stato patrocinato dal Comune di Firenze.
Il concorso, rivolto alle scuole secondarie di secondo grado di tutto il territorio italiano e la cui finalità è il rilancio di una consapevolezza identitaria, storica, sociale e culturale, attraverso i racconti dei ragazzi prossimi alla maggiore età, o da poco maggiorenni, è suddiviso in due premi, quello della critica e quello social. Per il Premio della Critica la commissione valutatrice dei racconti era composta da: Thomas Pistoia, scrittore, fumettista e poeta; Dimitri Lioi, avvocato – Presidente Associazione G. Panunzio Eguaglianza Legalità Diritti; Patrizia Salvatore, docente Filosofia e Storia Liceo Classico “La Farina” Messina; Maria Grazia Proli, tutor didattico Master in Pubblicità istituzionale Comunicazione multimediale e Creazione eventi (Università di Firenze); Pino Aprile, giornalista e scrittore; Daniela Volontè, scrittrice; Stefania Limiti, giornalista; Peppe Voltarelli, cantautore, attore e scrittore; Michele Staino, disegnatore e musicista; Maria Scirtò, professoressa di lingua italiana; Adam Smulevich, giornalista e scrittore; Fabio Polese, giornalista e fotoreporter. Il Premio Social, invece, è stato il risultato delle preferenze sul web dei racconti pubblicati temporaneamente come e-book. Tutti e due i premi constavano di: una somma di denaro (solo per i primi classificati delle due categorie), la pubblicazione dell’opera in formato cartaceo ed ebook, l’organizzazione di eventi per la promozione dell’opera e dell’autore, ed il contratto per ulteriori pubblicazioni.
18 gli elaborati in concorso provenienti da tutta Italia. I ragazzi finalisti sono stati: per il “Premio della Critica” Meri Manganiello, prima classificata con “Il richiamo di casa”, di Ariano Irpino dove frequenta il Liceo Scientifico “Pietro Paolo Parzanese”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali: i voti di tutti i candidati irpini

  • Scuola, caos e rabbia ad Atripalda: 'volano stracci' tra la dirigente e le mamme

  • Sabato sera di sangue, incidente mortale sul raccordo Salerno-Avellino

  • Elezioni regionali, chi sono i quattro eletti in Irpinia

  • Incidente mortale sul Raccordo Avellino-Salerno: le immagini del drammatico sinistro

  • Elezioni regionali 2020: i risultati in Irpinia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
AvellinoToday è in caricamento