Cultura

La Birra Serro Croce di Monteverde tra le migliori d'Italia

Oggi la premiazione ufficiale al Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali

Si conferma vincente la formula realizzata da Vito Pagnotta per la sua Serro Croce, una birra dal sapore e l'aroma inconfondibile grazie all'utilizzo esclusivo delle materie prime più pregiate: quelle dei campi di Monteverde.

L'imprenditore oggi sarà presso il Ministero delle Politiche Agricole per la premiazione ufficiale del Premio Nazionale Cerevisia. Si tratta di un concorso annuale, riservato alle birre di qualità ottenute da birrifici con impianti produttivi di proprietà e sede legale situati sul territorio italiano. La manifestazione istituita dal Banco Nazionale di Assaggio delle Birre (BaNab) e costituito dalla Camera di Commercio di Perugia, dal Centro di Eccellenza per la Ricerca sulla Birra dell'Università degli Studi di Perugia (CERB), dalla Regione dell'Umbria, dal Comune di Deruta e da AssoBirra - premia le migliori birre italiane, dividendole in più categorie: per tipo di fermentazione (alta o bassa) e per aree geografiche (nord, centro, sud e isole).

Tra 102 produttori provenienti da tutta Italia, Serro Croce ha conquistato un lusinghiero terzo posto nella categoria birra ad alta fermentazione per la sezione Sud e Isole grazie alla birra ambrata. Dopo l'attenta valutazione del panel composto da 12 giurati internazionali, i vincitori del concorso nazionale dedicato al mondo della birra sono stati proclamati durante la conferenza stampa del 1° Giugno 2016 presso la Sala del Consiglio comunale di Deruta. Ma dal momento che per la quarta edizione il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali ha offerto il patrocinio la premiazione ufficiale si terrà oggi presso la capitale romana.

La birra artigianale da filiera agricola Serro Croce è ormai diventata un veicolo di promozione anche per il territorio di Monteverde che l'anno scorso conquistò grande popolarità grazie al concorso istituito dalla trasmissione Rai Kilimangiaro "Il borgo più bello d'Italia".

La birra Serro Croce è una dedica a chi ricerca sensazioni rare, a chi ama soddisfare il palato con gusti intensi e vivaci, a chi si riconosce in sapori fuori dal tempo. Una birra non filtrata, non pastorizzata, rifermentata ed affinata in bottiglia; lavorata secondo le tradizionali tecniche, conserva i tutti i principi nutrizionali. Il risultato è l'armonia tra un profumo denso e un gusto pulito. In particolare la birra ambrata ha una schiuma compatta color cappuccino, pulita. All'olfatto intensa, complessa e persistente, chiari sentori erbacei e balsamici, scorze di agrumi. Al palato l'amaro è in equilibrio con la dolcezza dei malti, finale elegante e caratterizzato, si ripresenta l'erbaceo, il balsamico e la liquirizia, note amare di buona persistenza, retrogusto secco, decisamente piacevole e pulita.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Birra Serro Croce di Monteverde tra le migliori d'Italia

AvellinoToday è in caricamento