Geometry Traces “Linee di Viaggio”: "Due entità diverse ma con l’astratto come unico comune denominatore "

Tracce Geometriche è il titolo del lavoro creato esclusivamente per la mostra alla galleria AXRT Contemporary Gallery di Avellino

Caroline Geys e Brian Murphy due entità diverse ma con lo stesso comune denominatore, L’astratto. Una visione che contrasta, incuriosisce l’immaginario. Tracce Geometriche è il titolo del lavoro creato esclusivamente per la mostra alla galleria AXRT Contemporary Gallery di Avellino.  Il lavoro di Caroline e Brian è stato quello di tracciare dei percorsi legati al luogo di nascita, al viaggio quotidiano  tra passato e presente. Tracce per ricordare dove siamo stati, dove stiamo andando. Una mappa metaforica sul ”viaggio". Caroline adotta un approccio rigoroso, che la conduce a realizzare eleganti composizioni astratto-geometriche basate sulle possibilità espressive di forme e colori. Emerge una precisa volontà dell’artista di servirsi esclusivamente del linguaggio astratto per indagare e decodificare il reale, riservando una grande attenzione ai rapporti cromatici e formali.  Il suo è uno sguardo di meraviglia, di accettazione, di struggente empatia di fronte alla perfezione dello spazio che interpreta con cura nella composizione. Predilige realizzare soggetti bidimensionali, piatti e dai colori vibranti. Il colore è un elemento centrale, mentre la geometria delle forme viene solcata da linee e sovrapposizioni cromatiche con campi indefiniti, a superfici in cui il colore tende alla monocromia rendendo marginale la logica delle linee e delle composizioni. Brian racconta l’importanza del segno e della sua diretta esperienza nel dare forma al ricordo vivido del passato nel presente: una linea, una macchia, un frammento che nascono da ciò che pare assopito nelle nostre anime insieme a quello che ci perseguita nello spazio. La composizione geometrica si fonda su di un gioco di presenze. Brian definisce un lessico in cui la composizione segnica e l’espressività emotiva propria del “dipingere” si fondano in vari strati.
Col suo gesto pone l’equilibrio dell’insieme in uno stato di vibrante tensione che cerca di accogliere, nel tempo, il flusso delle frequenze complessive della forma, che si sviluppa quasi per istanti ed espressività. Ogni scansione pittorica presentata dall’artista, delinea campi di certezza ed evanescenza, di trasparenza e di solidità, di logica precisa e di libertà emotiva sempre capaci di accogliere, nell’insieme, una musicalità impalpabile fatta di equilibri e delle loro fratture improvvise. Nella visione di questo viaggio pittorico, Caroline e Brian manifestano con tutta la semplice complessità dell’ambiguo un dialogo degli opposti, dove il clamore del colore sa spegnersi e bilanciarsi nella profondità silenziosa e assoluta della superficie lasciata libera. Tra evidenze marcate e pronunciamenti impercettibili dell’apparire, prosegue nella poetica pittorica filosoficamente impegnata, quanto profondamente aperta all’immaginazione dello sguardo dello spettatore.

Anna Dusi Curatrice

BIOGRAFIE

Brian D. Murphy, nato nel 1961 a Buffalo, New York. Ha studiato presso la Cal Poly Pomona laureandosi nel 1984 in BS Urban & Regional Planning. Tra il 1984 e il 1989 lavora presso una grande consulente di ingegneria civile con sede ad Orange County. Vivendo a Laguna Beach sviluppa un amore sconfinato per il mare, il quale lo porta a dipingere paesaggi marini. Dal 1989 ad oggi realizza creazioni di sculture su larga scala prevalentemente per parchi tematici, film e musei. Dal 2014 inizia a collaborare con Walt Disney Studios. Negli ultimi dieci anni, Brian ha spostato la sua attenzione principalmente sulla pittura astratta. In questa nuova fase artistica le sue opere sono stati esposte in diverse gallerie di Los Angeles, Laguna Beach e San Diego. La sua prima personale nel 2009 a Sakura Ichi nella Pomona Arts Colony.

Caroline Geys è un'artista e designer multi-media nata a Wilrijk, in Belgio nel 1980. Cresciuta a Orlando, in Florida, ha vissuto a Miami per nove anni prima di trasferirsi a Los Angeles nel 2011.  Caroline è un'artista autodidatta, oltre a frequentare alcuni corsi d'arte al liceo e al college ha conseguito una laurea in amministrazione aziendale laureandosi in Marketing e Real Estate presso la Florida Atlantic University.

Dopo una carriera di dodici anni nel marketing in uno studio di architettura e in una società immobiliare, nel 2017 ha intrapreso la strada aprendo una propria società, Caroline Geys Design Studio.

Il suo studio comprende la sua arte raffinata e il suo design  per il settore privato e pubblico. Vive a Los Angeles dal 2011. Caroline ha esposto a Los Angeles, New York, Miami e Raleigh, nel North Carolina. La mostra alla AXRT Contemporary Gallery sarà la sua prima mostra internazionale.

artista: Brian Murphy/ Caroline Geys - a cura di: Anna Dusi

titolo: Geometry Traces “Linee di Viaggio”

inaugurazione: giovedì 16 maggio 2019, ore 18.30 - luogo: AXRT Contemporary Gallery

indirizzo via Mancini 19 - Avellino - info: Info@axrtgallery.com / 335.5819837 / 0825.25851

orari: da martedì a venerdì ore 17.00-20.00 / sabato e domenica 10.00-13.00, 18.00-20.30

chiusura mostra: 16 giugno 2019

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Allerta Meteo in Campania, comunicato della Protezione Civile

  • Cronaca

    Ucraino sorpreso dai carabinieri senza permesso di soggiorno, espulso

  • Cronaca

    Trasformazioni di aree boscate in assenza di autorizzazione paesaggistica

  • Cronaca

    Tenta il suicidio infliggendosi coltellate all'addome

I più letti della settimana

  • Nove posti per diplomati in ente irpino: pubblicato il bando

  • Mazzette per pilotare le sentenze, 14 arresti: ci sono anche due irpini

  • Maxi frode milionaria a Padova, coinvolta anche Avellino

  • Vigile urbano investito ad Avellino

  • La ministra Lezzi bypassa gli operai dell'ex Irisbus ma trova il tempo per portare a casa i torroni irpini

  • Ancora guai per JusTv: disposto il sequestro preventivo delle frequenze in uso

Torna su
AvellinoToday è in caricamento