Anniversario Terremoto dell'Irpinia: la programmazione Rai dedicata al sisma

Nel corso della giornata saranno dedicati all’anniversario interviste, servizi e approfondimenti

Nella serata del 23 novembre 1980 un sisma di magnitudo 6.9 devasta l’Irpinia e provoca quasi 3000 vittime. A 40 anni da quello che fu il terremoto più violento registrato in Italia dopo la Seconda Guerra Mondiale, la Rai rende omaggio alle vittime e ai sopravvissuti con una programmazione dedicata che si snoda come una lunga staffetta a partire da questo fine settimana.

Forte sarà il coinvolgimento dell’informazione Rai, il TgR Campania dedicherà all’anniversario servizi in Buongiorno Regione fino a martedì 24 novembre e all’interno delle edizioni del Telegiornale delle 14 e delle 19.35, integrati con dirette dai luoghi irpini e servizi con voci di quarant’anni fa. 

Domenica 22 novembre su Rai1 alle 23.25 sarà la volta dello Speciale Tg1 curato dalla Testata in collaborazione con Rai Teche che ha realizzato “Fate Presto – 23 novembre 1980, storia di un terremoto”, documentario con testo e voce narrante dello scrittore e poeta Franco Arminio, originario di quei luoghi, regia di Lorenzo Di Majo. Verranno rievocate le prime drammatiche e concitate ore a ridosso dalla tragedia, attingendo dalle potenti immagini conservate negli archivi Rai, e tutti i temi connessi alla tragedia: il ritardo dei soccorsi, l'emigrazione, la ricostruzione dei paesi, la profonda trasformazione antropologica e urbanistica dei paesi del Sud in seguito al sisma.

Ancor più articolata e presente l’offerta delle reti Rai lunedì 23 novembre, giorno dell’anniversario. Su Rai1 si comincia alle 6.45 con “UnoMattina” e si prosegue, alle 9.55, con “Storie Italiane” che propone servizi e ospiti dedicati.

Alle 8.30 sarà poi Rai Storia con la rubrica “Il giorno e la storia” a ricordare la tragedia dell’Irpinia.

Alle 11.30 Radio3Scienza racconterà cosa abbiamo imparato da quel terribile sisma. Ospite il sismologo dell’Ingv Alessandro Amato. Seguiranno i racconti di ascoltatori e ascoltatrici che descrivono un luogo di quel terremoto come è oggi, a quarant'anni di distanza.

Su Rai3, alle 13.15 “Passato e presente” con “1980: il terremoto in Irpinia” ripercorrerà le diverse fasi della catastrofe che mise in ginocchio uno dei territori più poveri della penisola, contando, oltre ai morti, più di ottomila feriti e trecentomila senzatetto. A denunciare il colpevole ritardo dei soccorsi fu il Presidente della Repubblica Sandro Pertini in un memorabile discorso alla televisione che terminava con un appello a portare aiuti alla popolazione colpita dal terremoto. In studio con Paolo Mieli, il professor Giovanni De Luna analizzerà la tragedia, l’impatto che questa ebbe sul tessuto sociale, la risposta delle istituzioni e le modalità con cui la criminalità organizzata speculò sul disastro.

Alle 14, su Rai1, sarà “Oggi è un altro giorno” a ricordare gli avvenimenti di quarant’anni fa mentre alle 17.05 “La Vita in Diretta” dedicherà servizi alla ricorrenza.

Su Radio3 alle 15 sarà ospite a “Fahrenheit” Toni Ricciardi, coautore con Generoso Picone e Luigi Fiorentino de "Il terremoto dell'Irpinia. Cronaca, storia e memoria dell'evento più catastrofico dell'Italia repubblicana", edito da Donzelli. Una riflessione che, basandosi su archivi e memoria orale, offre l'analisi di un dramma e di quanto abbia inciso sull'immaginario collettivo del Paese.

Alle 18.15 si torna su Rai Storia con il documentario di Lina Wertmuller “È una domenica sera di novembre”, realizzato appena un anno dopo il sisma. A contribuire all’immenso lavoro cronisti illustri come Moravia, Alberto Ronchey, Giampaolo Pansa, Giovanni Russo. Ma le due ore di documentario presentano, oltre alle testimonianze strazianti di coloro che sono sopravvissuti, anche riferimenti dotti e antichi, a Leonardo da Vinci, Plinio il Giovane, Leopardi, o contemporanei come l'intervento del sociologo Domenico De Masi.

Ancora su Radio3, da lunedì 23 a venerdì 27 novembre, “Tre soldi”, in onda alle 19.45, trasmetterà “La terra Ballerina. Il terremoto del 23/11/1980 in Irpinia e Napoli” di Marcello Anselmo. L’audiodocumentario ripercorre il sisma che colpì violentemente quelle terre. Le voci dei testimoni si incrociano con materiali sonori e d’archivio in un racconto per “non dimenticare”.

Alle 23.15 sarà Rai3 a offrire il docufilm di Alessandra Rossi “Il Terremoto – Irpinia 1980” diretto da Mario Maellaro e con la consulenza storica di Toni Ricciardi. Tremila morti, più di ottomila feriti, trecentomila senzatetto fanno del terremoto dell’Irpinia l’evento più catastrofico della storia repubblicana. Nell’anniversario della tragedia, il docufilm ne ripercorre la storia, basandosi sulle testimonianze dirette e analizzando il canone giornalistico utilizzato all’epoca, lo scontro politico e l’ “Irpiniagate”,l’inchiesta giudiziaria che ha segnato l’immaginario collettivo negli ultimi 40 anni.

Forte sarà anche il coinvolgimento dell’informazione Rai, a partire dalla TgR Campania che dedicherà all’anniversario servizi in Buongiorno Regione fino a martedì 24 novembre e all’interno delle edizioni del Telegiornale delle 14 e delle 19.35, integrati con dirette dai luoghi irpini e servizi con voci di quarant’anni fa.

RaiNews24 realizzerà, sempre lunedì 23 novembre, uno Speciale dalle 19 alle 20, con un inviato a S. Angelo dei Lombardi. Nel corso della giornata saranno dedicati all’anniversario interviste, servizi e approfondimenti. Anche su Rainews.it, sarà proposto uno Speciale sulla ricorrenza.

L’offerta sarà rilanciata sul portale Rai Cultura – www.raicultura.it - e sui canali web e social . 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Quando finirà la zona rossa in Campania: si rischia una settimana in più

  • Coronavirus, l'indice Rt di Avellino è quasi il doppio di quello di Napoli

  • Stazione Hirpinia, gara per l'ultimo lotto: 330 nuovi posti per 34 km di linea

  • Zona rossa, la spesa in un altro comune è possibile se più economica: il chiarimento

  • Coronavirus in Irpinia, sono 93 i positivi di oggi: altri 13 ad Avellino

  • Coronavirus in Irpinia, sono 115 i positivi di oggi: altri 19 ad Avellino

Torna su
AvellinoToday è in caricamento