Il Godot Art Bistrot festeggia 6 anni di emozioni con un live d'eccezione

  • Dove
    Godot Art Bistrot
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 30/12/2017 al 30/12/2017
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

Taglia il traguardo dei 6 anni di attività il «Godot Art Bistrot» di Avellino e questa sera alle 22 spegne le candeline insieme ai Cacao e Francesco Giampaoli. Dal 30 dicembre 2011, artisti di riconosciuto spessore internazionale - da Baby Dee a Hugo Race, da Matt Elliott a Josephine Foster, dagli Uzeda agli OvO, solo per citarne alcuni - hanno calcato il piccolo - ma sempre più accogliente - palco del locale di via Mazas.

Cacao è un duo ravennate - affiancati per l'occasione speciale da Giampaoli dei Sacri Cuori - formato da Matteo Pozzi (alla chitarra) e Diego Pasini (al basso), già membri del gruppo Actionmen. Il loro primo disco è «Astral», uscito per l’etichetta «Brutture Moderne» nel novembre 2016. Si tratta di un album veramente intenso, costruito sull’interazione costante fra i due musicisti, intenti a creare affascinanti orizzonti sonori che sintetizzano le loro diverse influenze musicali.

Queste ultime nello specifico riorganizzano e rinverdiscono i fasti dei grandi musicisti artigiani della tarda no wave newyorkese (primi anni Ottanta, per esempio Jody Harris, Robert Quine, George Scott).

Partendo dalla loro lezione, i Cacao hanno licenziato un disco che rivede nell’ottica dell’avanguardia strumentale i twang secolari di Link Wray e Duane Eddy e lo strimpellio orecchiabile di Ric Ocasek (quello dei Cars), allo scopo di creare una geniale rivisitazione dell’era del surf e del bubblegum pop. Il secondo (e più importante) obiettivo è decostruire quello stesso pop facile e avvincente al fine di favorire la penetrazione di elementi ostili, parassiti e terroristi capaci di mutare sistematicamente la cornice formale e il punto d’equilibrio della canzone, creando così un’originale versione di postmodernismo sonoro. Contrariamente a quanto sembrerebbe da tali premesse, Astral è in realtà un disco altamente emotivo, in quanto la sfida dei due strumenti a corda (che suonano costantemente in opposizione) consiste nell’emulare e umanizzare il suono digitale tessendo chiaroscuri sonori che danno infine forma a una danza sonora (tetra, nevrotica, ironica, divertita) che coinvolge immancabilmente l’ascoltatore.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

I più visti

  • Serata street food al Panificio De Nardo di Atripalda

    • solo domani
    • 26 settembre 2020
    • Panificio De Nardo
  • A Nusco ritorna la Festa dell'Unità

    • dal 10 agosto al 12 ottobre 2020
  • Weekend, viaggio in Irpinia tra 'Natura, Cultura e Cantine'

    • da domani
    • dal 26 al 27 settembre 2020
  • Tempo di Vendemmia: da Mastroberardino passeggiate, degustazioni e merende in vigna

    • da domani
    • dal 26 settembre al 24 ottobre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    AvellinoToday è in caricamento