rotate-mobile
Eventi Grottaminarda

Il Castello d'Aquino e il Palazzo Buonopane al centro del nuovo appuntamento "I segreti di Grotta"

A Grottaminarda prosegue il cartellone "Incontriamoci con la cultura"

Quanti sanno che le Torri del Castello d'Aquino in origine erano tutte a pianta quadrata ma poi per ragioni difensive furono rese cilindriche? Quanti sanno che in una delle sale che oggi ospitano il Caffè Letterario vi sorgeva uno dei Conventi dell'Annunziata? E quanti sanno che l'atrio interno in realtà era completamente chiuso e vi sorgevano le cucine di Palazzo Buonopane? Ed ancora quanti sanno che al di sotto di dove oggi sorgono i Giardini pensili nel passato vi erano ambienti abitati? 

Questi sono solo alcuni dei segreti che le stratificazioni storico-architettoniche celano nel Castello di Grottaminarda e nell'annesso Palazzo Buonopane e che questa mattina nel corso di una conferenza e successiva visita, Raffaele Masiello, responsabile scientifico della Proloco Grottaminarda Aps ha svelato nell'ambito del primo ciclo di incontri "I segreti di Grotta", iniziativa inserita nel cartellone di eventi "Incontriamoci con la Cultura".

A dare un saluto di benvenuto ai numerosi visitatori arrivati da Napoli, Capri, Avellino ed anche della stessa Grottaminarda, il Presidente della Proloco Alfonso Cappuccio ed il Consigliere Comunale Michele Spinapolice. 

Affascinante la storia che ruota intorno al castello medievale fino ai giorni nostri con i passaggi dei diversi feudatari, dai Senseverino - de Cripta (XIIsec-1200) ai D'Aquino (-1528), per passare per i Loffredo (1553-1592) i Cosso o Coscia (1592-1623), i Pescara (1623-1627), i Cornea (1627-ante 1649), i Posta (1698-1649) quando Grottaminarda fu anche Ducato e per finire con i Coscia (1729-1806) fino ad arrivare ai giorni nostri con la cessione da parte della Famiglia Buonopane al Comune. 

La visita ha riguardato i vari ambienti e terrazzamenti con una vista mozzafiato sulla Valle Ufita nonostante la foschia della giornata, ed in particolare il Museo Antiquarium intitolato proprio a Filippo Buonopane ed il Donjon elemento in assoluto più antico del complesso architettonico.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Castello d'Aquino e il Palazzo Buonopane al centro del nuovo appuntamento "I segreti di Grotta"

AvellinoToday è in caricamento