menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si ferma la Sagra di Bagnoli, la Pro Loco: "Rievocheremo la tradizione delle caldarroste"

La kermesse dedicata al tartufo e alle castagne del comune irpino salta, si lavora per l'edizione del 2021

 "In questi mesi sono stato in attesa dei risvolti per quanto riguarda questo maledetto virus che sta stravolgendo le nostre vite. Ora è arrivato il momento per poter dare una risposta alle molteplici persone che ancora una volta dopo più di 40 anni vogliono sapere se la Sagra a Bagnoli si farà. Purtroppo non ci troviamo nelle condizioni di poter svolgere tutto in sicurezza e serenità, come è nostro solito fare. Infatti, un evento come il nostro che raccoglie in vari giorni più di 200.000 persone, prevede una organizzazione tale che comincia già mesi prima. A differenza di altri paesi a Bagnoli l’evento si svolge nel centro storico con i vari vichi e vicoletti e questo non permette sicuramente di mantenere il distanziamento sociale”.

A parlare è il presidente della Pro Loco Bagnoli Irpino – Laceno, Francesco Pennetti, organizzatore dell’evento tra i più importanti in Irpinia. Dopo 42 anni la Sagra del Tartufo e delle Castagna di Bagnoli Irpino salta. Appuntamento al 2021.

“L’evento per la prima volta dopo 42 anni si ferma. Ho deciso, infatti, tempo e Covid permettendo di rievocare una vecchia tradizione che veniva svolta nelle date che erano destinate alla Sagra. In quei giorni si facevano le caldarroste accompagnate da un buon bicchiere di vino. Voglio riprendere questa tradizione per quest’anno e lo farò esclusivamente per i miei concittadini che ogni anno in questi giorni aspettavano con ansia l’evento. Sarò come sempre affiancato dal mio vice presidente Gatta Angelo, che ogni anno delizia migliaia di persone con le sue caldarroste. Questo è un simbolo che per il paese è di fondamentale importanza, ricordandoci anche cosa rappresenta l’evento in sé. Infatti, da qualche mese continuano ad arrivare chiamate e messaggi di agenzie di viaggi, gruppi organizzati e singole persone per venire, nonostante l’annullamento dell’evento, comunque a passare qualche giorno qui a Bagnoli. Richiedendo gli stessi prodotti che erano soliti acquistare durante i giorni della Sagra, come: le nostre castagne fresche, il tartufo di Bagnoli, i dolci di castagne e il pecorino bagnolese. Questo mi fa capire che negli anni questo evento è stato ed è un appuntamento fisso per il Sud Italia e non solo, per quanto riguarda l’enogastronomia nostrana”.

Intanto però si lavora pwr l'edizione 2021.

“Nel frattempo siamo già al lavoro per organizzare quello che sarà l’anno prossimo, sperando che entro dicembre l’emergenza Covid sparirà del tutto, in modo tale da permetterci già di iniziare la programmazione nei primi mesi dell’anno. Ovviamente l’evento del 2021 avrà un sapore diverso, con una speranza che possiamo ritornare a fare festa. Aspetteremo con ansia ottobre 2021, ma nel frattempo siamo consapevoli che bisogna andare avanti, mantenendo le tradizioni che sono il nostro pane quotidiano, nel rispetto delle norme e della salute pubblica”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento