Whirlpool, Picone (Cisal Metalmeccanici): "Serve piano di intervento urgente per l’indotto"

"È necessario mettere in campo un piano di intervento urgente per salvaguardare i posti di lavoro"

«E’ necessario mettere in campo un piano di intervento urgente per salvaguardare i posti di lavoro dell’indotto whirlpool della provincia di Avellino». Ad affermarlo è Massimo Picone, segretario provinciale della Cisal Metalmeccanici.

«Sin dall’inizio del tortuoso percorso di questa vertenza – prosegue il dirigente del sindacato autonomo -, pur auspicando ovviamente che si addivenisse ad una soluzione concreta, che mettesse al riparo da svendite e smantellamenti la produzione e l’occupazione dello stabilimento partenopeo e delle fabbriche campane ad esso collegate, non abbiamo mai nascosto le nostre perplessità rispetto all’atteggiamento tenuto dai vertici dell’azienda americana di elettrodomestici, che nonostante gli accordi istituzionali stipulati con il governo nazionale e le parti sociali e le agevolazioni ricevute  negli scorsi anni, non si è fatta scrupoli di affossare un’importante realtà economica del Mezzogiorno».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«A questo punto – conclude Picone – non c’è più tempo da perdere. Preso atto della decisione della Whirlpool di cessare le attività dell’impianto di Napoli, a partire dal 1 novembre, e tenuto conto che anche altre peregrine ipotesi di riconversione paventate dal management non avrebbero tutelato le aziende irpine, bisogna convocare immediatamente un tavolo istituzionale nazionale e regionale, con la partecipazione delle organizzazioni sindacali, della Regione e delle società coinvolte in questa crisi, per individuare soluzioni idonee e praticabili per la conversione produttiva delle aziende o per l’intercettazione di nuovi mercati e commesse. Una missione non semplice, che richiede uno sforzo serio e congiunto. E’ bene ricordare, che nella sola Irpinia nell’indotto Whirlpool lavorano circa 200 addetti, impegnati in tre aziende: Pasell, Cellublok e Scame Mediterranea. La Cisal Metalmeccanici è pronta, come sempre, ad offrire il proprio contributo, mobilitando tutte le energie disponibili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gioco erotico finito male, uomo trasportato al Moscati con un tappo bloccato nell'ano

  • Movida ad Avellino, il sindaco Festa in diretta a "Live Non è la D'Urso"

  • Coronavirus in Campania, nuova ordinanza di De Luca su mascherine e spostamenti tra regioni

  • Miracolo a Solofra: i medici dell'Ospedale Landolfi salvano giovane madre

  • Il sindaco Festa al centro della movida, cori e selfie con i ragazzi

  • Offerte di lavoro, Intesa Sanpaolo cerca diplomati e laureati

Torna su
AvellinoToday è in caricamento