menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vertenza Ipercoop: luci e ombre sulla chiusura, confronto al Mise con Distribuzione Centro sud

Az Spa è disponibile ad acquisire il ramo d’azienda, ma con l’esubero previsto per il 50% dell’organico

Incontro al Mise per la chiusura dell’ipermercato di Avellino della Cooperazione, con luci ed ombre: Az Spa è disponibile ad acquisire il ramo d’azienda, la possibile applicazione del Ccnl del Terziario è una buona notizia, ma dall’altra parte c’è la cattiva notizia sulla quantità dell’esubero previsto per il 50% dell’organico.

“Posizioni ancora lontane – commenta Paolo Andreani della segreteria nazionale UILTuCS – Serve uno sforzo da parte di Az sull’occupazione e uno sforzo di Distribuzione Centro Sud sugli esuberi”.

Paolo Andreani della Uiltucs Nazionale spiega così l’incontro e si è tenuto il 17 luglio al Mise con Distribuzione Centro Sud inerente la procedura di licenziamento collettivo e la possibile chiusura dell’ipermercato di Avellino.

Nello stessa giornata Az Spa ha esplicitato la volontà di acquisire  il ramo d’azienda nell’ambito di una politica di espansione della presenza in Campania.

Attesa la positività della gestione caratteristica, AZ ha dichiarato di voler applicare il Ccnl del terziario sottoscritto da Filcams, Fisascat e Uiltucs e Confcommercio, e considerato necessaria l’abbandono di attività di lavorazioni, produzione e ristorazione (carne, pane, bar, ristorazione).

Az ha definito altresì inevitabile tarare il il numero delle ore lavoro ai fatturati attesi (16 milioni nel 2019 e 18,3 nel 2021) in ragione delle nuove politiche commerciali da mettere in campo.

L’azienda ha individuato quale obbiettivo non rinunciabile il rapporto fatturato costo del lavoro pari al 10%. Necessari a regime 50 Fte  (oggi sono 96) distribuiti tra 20/21 Full- Time e il resto in part-time . Le persone collocabili potrebbero essere circa 80 su 133.

Az prevede la possibilità di far gestire in comodato gratuito attività di produzione quale il pane e pasticceria a lavoratori interessati (fino a 20 addetti) a “mettersi in proprio”.

Impossibile la collocazione in altri punti vendita del gruppo di eventuali esuberi se non per alcune unità in aree geografiche non attigue (Reggio Calabria).

Distribuzione Centro Sud e Coop Alleanza hanno dichiarato  la disponibilità a ricollocare in rete ( Emilia – Romagna ) alcuni lavoratori e precisato la volontà di poter incentivare l’esodo (ad oggi fino a 24mila euro lordi per il full- time ).

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento