menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vertenza Don Gnocchi: primo round alla FP CGIL

a vicenda nasce da una richiesta di intervento della FP CGIL del 6 giugno 2016

L’Istituto Territoriale del Lavoro di Avellino  ha adottato provvedimenti di addebito previdenziale a carico della Fondazione Don Gnocchi per i lavoratori del Polo Specialistico Riabilitativo di Sant’Angelo dei Lombardi ed attivato la procedura della “diffida accertativa” per crediti patrimoniali per la mancata corresponsione delle competenze economiche.

La vicenda nasce da una richiesta di intervento della FP CGIL del 6 giugno 2016 che, dopo una lunga attività ispettiva congiunta degli ispettori del lavoro della ITL e degli ispettori dell’INPS, ha dato ragione a quanto sostenuto dal sindacato di via Padre Paolo Manna.

Nei fatti, la Fondazione Don Gnocchi ha continuato a far lavorare ausiliari, impiegati amministrativi, fisioterapisti ed infermieri 2 ore in più a settimana anche dopo la revoca dell’accordo di crisi e nonostante le diffide della FP CGIL di Avellino.

Pertanto, per il periodo che va dal 7 dicembre 2015 al 15 febbraio 2016 e per tutto il periodo che va dal 1 gennaio 2017 al 30 agosto 2017 quelle ore di lavoro devono essere retribuite come lavoro supplementare per tutti i lavoratori interessati.

“L’esito dell’attività ispettiva – sottolinea il segretario generale della FP CGIL Marco D’Acunto – ci dà ragione di quanto abbiamo sostenuto e continuiamo a sostenere. E cioè che la Fondazione non poteva applicare in quei periodi un aumento delle ore lavorative senza retribuirle ai lavoratori. Ci fa specie che, ancora dopo il termine dell’ispezione (fine agosto 2017) e fino ad oggi, la Fondazione continui ad applicare quel tipo di orario per cui è evidente che andranno retribuite anche le prestazioni dal 1 settembre ad oggi che non sono contemplate nel provvedimento”.

Da primi conti effettuati e certamente per difetto secondo la Segreteria della FP CGIL di Avellino, l’esito dell’attività ispettiva dovrebbe avere un costo superiore ai 170.000,00 euro al netto della contribuzione che pure dovrà essere versata. Un costo che si sarebbe potuto certamente evitare se il management locale avesse dato ascolto alle motivazioni e poi alle diffide dell’Organizzazione Sindacale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Atripalda, ritrovate strutture murarie di epoca romana

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Coronavirus, nuovo decesso al Frangipane: muore 64enne

  • Cronaca

    Shock a Quadrelle, suicida il 25enne Saverio Fiore

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

AvellinoToday è in caricamento