rotate-mobile
Domenica, 29 Gennaio 2023
Economia

Vendemmia, buone le prospettive in Campania

Le specifiche previsioni quantitative sulla prossima vendemmia saranno ufficializzate l’8 settembre, ma dal report di fine luglio di Ismea, Unione Italiana Vini e Assoenologi ci sono buone premesse qualitative per la prossima vendemmia

Le specifiche previsioni quantitative sulla prossima vendemmia saranno ufficializzate l’8 settembre, ma dal report di fine luglio di Ismea, Unione Italiana Vini (UIV) e Assoenologi sull’andamento climatico-vegetativo e la condizione dei vigneti delle regioni italiane, in generale, ci sono buone premesse qualitative per la prossima vendemmia. 

«A ridosso dell’inizio della vendemmia – sintetizza l’introduzione del report – la situazione del vigneto italiano appare buona. Per quanto riguarda la fenologia riproduttiva, la fioritura è iniziata nella norma rispetto alla media 2001-2020 al Sud, mentre si evidenziano ritardi di 4/6 giorni al Centro e di 6/9 giorni al Nord. Tali ritardi sono frutto delle anomalie termiche registrate nei mesi di aprile e maggio. Si ritiene che tali scostamenti rispetto alla norma si manterranno fino alla data di vendemmia». 

Previsioni in Campania 

In Campania l’annata 2021 ha visto temperature invernali piuttosto miti che si sono protratte con quasi un grado al di sopra delle medie fino agli inizi di marzo, e con abbondanti piogge, determinando una buona ripresa vegetativa, rallentata però dall’importante abbassamento delle temperature di inizio ad aprile, con nevicate ad alta quota e qualche gelata più in basso. Da maggio si sono assestate temperature appena più alte della media, con assenza prolungata di piogge, limitando lo sviluppo di malattie e consentendo una buona fioritura e allegagione. Il rapido passaggio alla fase di pre-chiusura del grappolo, che presentava molti residui fiorali, ha determinato lo sviluppo di grappoli tendenzialmente più spargoli. Con le piogge di metà di luglio accompagnate da un abbassamento delle temperature, si conferma al momento un ritardo di 7-10 giorni sulle fasi fenologiche della vite. In linea generale le condizioni climatiche hanno consentito una gestione dei vigneti senza particolari problemi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vendemmia, buone le prospettive in Campania

AvellinoToday è in caricamento