Uil, assemblea per approvare il bilancio di previsione

Presenti ai lavori Anna Rea, segretario Generale della UIL Campania e Benedetto Attili, tesoriere della UIL nazionale

Luigi Simeone

Si è svolta stamane nell’aula Andrea Preziosi della sede UIL di Via Tagliamento il Consiglio Territoriale della CST UIL Avellino Benevento. A quasi un anno dall’unione delle due camere sindacali, il dibattito ha rappresentato un momento di riflessione e confronto sull’evoluzione del nuovo assetto organizzativo. Presenti ai lavori Anna Rea, Segretario Generale della UIL Campania, Benedetto Attili, Tesoriere della UIL Nazionale, Luigi Simeone, Segretario Generale della CST UIL Avellino Benevento.

Primo punto discusso all’ordine del giorno, l’approvazione del Bilancio consuntivo 2014 e del Bilancio di previsione 2015. “L’aspetto amministrativo necessario per produrre gli atti dell’accorpamento delle due camere sindacali ha richiesto un lavoro molto complesso. Questo rendiconto è il frutto di ben cinque bilanci differenti”, afferma Simeone. Entrambi sono stati approvati all’unanimità dal Consiglio.

L’Assemblea si è poi soffermata sull’importanza della manifestazione del 1 Maggio che sottoporrà all’attenzione di tutti tematiche fondamentali quali l’emergenza lavoro e il problema immigrazione. Inoltre, si è dato spazio alle riflessioni sulle problematiche che vive ogni girono l’Area Vasta Avellino Benevento. “Con l’accorpamento delle due camere sindacali abbiamo intrapreso la strada più utile per rappresentare al meglio il nostro territorio. Oggi siamo di fronte a un problema molto serio. Il merito delle questioni non appartiene più alla dialettica ma alla tattica. Tocca al Sindacato porre di nuovo importanza alla discussione. Un tempo, il lavoro era  al primo posto nella Costituzione. Oggi, al centro degli interessi del Governo c’è soltanto l’impresa. In Campania moltissimi giovani sono costretti a spostarsi per trovare lavoro. Un dato allarmante rivela che Avellino è la Provincia d’Italia con il più alto incremento di suicidio. Questo dimostra che il nostro territorio è fermo, abbandonato dalla politica del Paese. Così Il 1 Maggio rappresenterà l’occasione per confrontarci sulle tematiche di integrazione, lavoro e sviluppo”, conclude Simeone.

Drammatica la situazione di molti lavoratori di Avellino Benevento. Il segretario provinciale della UILM, Gaetano Altieri, ha sottolineato che “ Vi sono più di quattrocento persone over 40 che hanno perso il posto di lavoro e a breve non recepiranno più alcun sostegno a reddito. Senza una politica mirata, queste persone rischiano di non essere integrate mai più nel mondo del lavoro. Per cui, non dobbiamo rassegnarci alla distrazione che il Governo ha rivolto alle emergenze della nostra Provincia”.

Anche l’immigrazione rappresenterà insieme al lavoro uno dei punti essenziali della manifestazione del 1 Maggio. “La questione immigrazione sta toccando molto da vicino la Campania. Infatti, la nostra Regione è la seconda per accoglienza dopo la Sicilia. Tutto questo, insieme a un’azione mirata di sviluppo del Mezzogiorno, non è purtroppo nell’azione del Governo” afferma Anna Rea.

In ultima battuta, il Segretario generale della UIL Campania e il tesoriere Nazionale della UIL si sono confrontati sull’importanza di un Sindacato a rete, che miri a rafforzare l’organizzazione. “La UIL si sta affermando sul piano nazionale poiché abbiamo un’identità svincolata dalla politica. Il Sindacato a rete è il primo passo per fare la differenza e rappresenta la sfida più grande che abbiamo lanciato. La confederazione e le categorie non possono svolgere al meglio il proprio lavoro se non offrono agli iscritti i servizi necessari alla loro tutela”. Conclude Anna Rea.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A chiudere il lavori del Consiglio il Tesoriere Nazionale UIL, Benedetto Attili che ha ribadito l’importanza dell’unità sindacale portando come esempio positivo proprio la CST Avellino Benevento. “La UIL crede nell’Unità sindacale per fare pressione sulla politica, in modo che quest’ultima inverti la sua rotta. Il cambiamento fine a se stesso non serve a niente. La UIL è il Sindacato riformista per proposte e idee, ma la riforma deve aiutare i lavoratori, che rappresentano la parte sana del nostro paese. Il Sindacato a rete funziona e la CST  UIL Avellino Benevento ne è la conferma”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus in Irpinia: ecco la mappa aggiornata, Comune per Comune, al 3 aprile 2020

  • Vaccino Coronavirus supera primo test, Todisco: "Buona notizia che porta la firma del dott. Gambotto"

  • Tragedia in Irpinia: muore schiacciato dal camion dei rifiuti

  • Coronavirus, il Governo prepara la Fase 2: le prime a riaprire saranno le aziende

  • La Pizzeria Romana svela la ricetta della pizza in teglia

  • La pastiera si prepara a casa, la ricetta di famiglia del Gran Caffè Romano

Torna su
AvellinoToday è in caricamento